Mercoledì, 28 Luglio 2021
Salute

A Torremaggiore il centro prelievi lavora come laboratorio di analisi. "Ma non c'è un dirigente biologo fisso"

La denuncia del Comitato permanente per la salvaguardia della salute dei cittadini dell'Alto Tavoliere, che chiede a gran voce l'inserimento di un dirigente biologo in pianta stabile ed un ulteriore tecnico di laboratorio a supporto per il periodo estivo

Immagine di repertorio

Il direttivo civico del Comitato permanente per la salvaguardia della salute dei cittadini dell'Alto Tavoliere è preoccupato per la situazione del Centro Prelievi del PTA San Giacomo di Torremaggiore: “Torremaggiore è stata declassata poiché nel 2016 le prestazioni annue registrate erano pari a 258.293. Nella realtà il declassamento ad oggi non è stato attuato nella sostanza creando non poco caos all’utenza”, spiegano una lettera.

La missiva è finalizzata alla richiesta di inserimento di un dirigente biologo in pianta stabile ed un ulteriore tecnico di laboratorio a supporto per il periodo estivo. “Secondo la normativa vigente il personale in pianta stabile che dovrebbe operare a Torremaggiore vedrebbe la composizione del team composto da due dirigenti biologi, due infermieri, due tecnici di laboratorio e due ausiliari ma segnaliamo che è da gennaio 2019 che manca la figura del dirigente biologo che non è stata ripristinata”, spiegano i premessa.

“Ma la questione più incredibile è che la struttura di Torremaggiore lavora come un Laboratorio di Analisi e non come un Centro Prelievi. Nella sostanza gli esami delle altre sei realtà cittadine del bacino di utenza dell’Alto Tavoliere vengono processati a Torremaggiore con i due tecnici di laboratorio e con la super visione on line del dirigente biologo del Laboratorio Spoke di base al ‘Masselli Mascia’ di San Severo. Il declassamento previsto dalla Regione è pertanto solo su carta”, denunciano.

“Riteniamo altresì incomprensibile che dal 21 giugno ad oggi il Servizio sia retto effettivamente solo da un infermiere, da un tecnico di laboratorio che lavora a giorni alterni poiché usufruisce della Legge 104/92 e da un ausiliario. Infatti da quella data si lavora con un solo infermiere e tale disagio resterà per i successivi 45 giorni poiché il secondo tecnico di laboratorio ha subìto un intervento chirurgico e non rientrerà per ora. Come mai non è stata prevista una ulteriore figura a supporto per colmare l’assenza del secondo tecnico di laboratorio?”, chiedono dal Comitato.

“Considerato Che il Laboratorio di Analisi di Torremaggiore ha sempre realizzato numeri importanti per il suo naturale bacino di utenza pari a 80mila persone (Torremaggiore, San Severo, San Paolo di Civitate, Serracapriola, Chieuti, Apricena, Poggio Imperiale e Lesina), merita attenzioni idonee per un suo rilancio. Se è vero che a partire dal 2011 c’è stato un calo fisiologico causato dalla riconversione del nostro San Giacomo da ospedale a Presidio territoriale di assistenza decisa dalla Regione Puglia, è altresì vero che i numeri delle prestazioni dimostrano che la struttura di Torremaggiore merita una considerazione maggiore da parte della Asl”.

E quindi illustrano i numeri: “Il consuntivo del 2004: 409.662 prestazioni di cui 301.944 esami esterni e 107.718 esami interni; 2005: 419.435 prestazioni di cui 333.802 esami esterni e 85.633 esami interni; 2006: 465.680 prestazioni di cui 370.949 esami esterni e 94.731 esami interni; 2008: 420.693 prestazioni generali; 2009: 414.808 prestazioni generali; 2010: 403.547 prestazioni generali; 2011: 316.868 prestazioni generali; 2013: 371.171 prestazioni generali; 2014: 350.597 prestazioni generali; 2015: 325.638 prestazioni generali; 2016: 258.293 prestazioni generali; 2017: 261.709 prestazioni generali; 2018: 247.108 prestazioni generali; 2019: 226.909 prestazioni generali.; Tanto premesso e rilevato chiediamo a gran voce un intervento risolutivo finalizzato a far erogare un servizio pubblico con il personale dedicato e con la presenza del dirigente biologo in pianta stabile previsto dalla normativa vigente non creando alcun disagio all’utenza del territorio”, concludono.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Torremaggiore il centro prelievi lavora come laboratorio di analisi. "Ma non c'è un dirigente biologo fisso"

FoggiaToday è in caricamento