Contact center dell'Asl preso d'assalto: + 30%, dato mai registrato negli ultimi 3 anni

L’impennata delle telefonate, però, ha causato inevitabili rallentamenti nelle operazioni di risposta degli operatori. Asl al lavoro per ridurre i disagi

Immagine di repertorio

Da dieci giorni si segnala un iper afflusso di chiamate al numero verde del Contact Center provinciale. Il dato, in crescita, dell’utilizzo del numero verde per le prenotazioni è confortante poiché indica che il percorso di digitalizzazione avviato dalla Direzione sta ottenendo i risultati auspicati.

L’impennata delle telefonate, però, sta causando inevitabili rallentamenti nelle operazioni di risposta da parte degli operatori. I Sistemi Informativi della ASL Foggia, da subito allertati, hanno effettuato le dovute verifiche constatando che, a causare la criticità, è stato il picco di telefonate giunte dal 7 gennaio scorso, superiore del 30% rispetto a quelle pervenute nell’ultimo mese di dicembre.

Un dato mai registrato negli ultimi 3 anni, da quando, in pratica, è partito il servizio di prenotazione telefonico. La Direzione, che si scusa per il disagio, sta accelerando le procedure per potenziare il servizio adattandolo alle nuove esigenze.

 “Ci stiamo impegnando – dichiara il Direttore Generale Vito Piazzolla – a ridurre il disagio occorso agli utenti nel più breve tempo possibile. Continueremo, pertanto, lungo il percorso di digitalizzazione aziendale che abbiamo avviato da tempo. Attraverso il monitoraggio delle attività e il costante adattamento delle procedure al mutare delle necessità, arriveremo ad una naturale riduzione sino alla eliminazione degli sportelli fisici e ad una implementazione di tutti gli strumenti informatizzati. Questo significherà un aumento dei costi che siamo pronti a sostenere, a fronte dell’importante utilizzo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento