Personale sanitario arabo a Foggia: dal ‘Riuniti’ parte il ponte medico-scientifico tra Arabia Saudita e Puglia

Personale sanitario saudita apprenderà presso il Policlinico “OO.RR.” come gestire un reparto di Medicina Nucleare. L’accordo possibile grazie a una partnership con la Itel di Ruvo di Puglia

Presso l’Azienda Ospedaliero – Universitaria “Ospedali Riuniti” di Foggia, dotata di un reparto di Medicina Nucleare all’avanguardia, è stato inaugurato da pochi giorni il training di personale sanitario saudita che apprenderà ad analizzare aspetti pratici dell’esecuzioni di esami PET, a studiare le caratteristiche dei pazienti, a calcolare la dose di farmaco necessaria per ciascun paziente, a programmare il carico di lavoro giornaliero e tutto quanto attiene alla gestione di un reparto di Medicina Nucleare.

Entusiasta il Dott. Sergio Modoni, Direttore della Struttura Complessa di Medicina Nucleare degli “Ospedali Riuniti” che ha commentato: “E’ bello sapere che la nostra esperienza e le nostre conoscenze mediche raggiungeranno pazienti anche molto lontani da noi. Per il personale del reparto e per me questa è un’occasione preziosa di scambio e arricchimento professionale oltre che umano”.

Il Direttore Generale del Policlinico “Ospedali Riuniti” di Foggia, Dott.Vitangelo Dattoli ha dichiarato:“Questa è un’opportunità di integrazione, di crescita e confronto interculturale. Abbiamo tutte le potenzialità per accrescere la nostra visibilità a livello internazionale e  anche grazie a partner come la Itel, che da decenni opera in tutto il mondo, possiamo lavorare per intensificare le relazioni internazionali nel settore della formazione professionale».

Il progetto di formazione del personale sanitario saudita è l’esito di una commessa vinta dall’azienda pugliese Itel a Gedda, seconda città per importanza dell’Arabia Saudita. L’azienda, con sede a Ruvo di Puglia, ha coordinato la realizzazione di I-One, un centro di radiofarmacia e medicina nucleare, all’interno della King Abdulaziz University (KAU), che, con i  suoi 200mila studenti, è considerata una delle più importanti istituzioni universitarie del mondo arabo.

Terminata la costruzione di I-One, fino al 2021 Itel gestirà direttamente lo stabilimento radiofarmaceutico, affiancando alla produzione di radiofarmaci, utili a diagnosticare patologie oncologiche, neurodegenerative, cardiologiche e infiammatorie, anche la formazione del personale locale.

Fin da ora alcuni operatori sanitari sauditi hanno l’opportunità di vivere all’interno del reparto di Medicina Nucleare di Foggia per circa quindici giorni, nei quali potranno apprendere dai professionisti italiani l’utilizzo di diversi radiofarmaci, le procedure adottate, i protocolli, le tecniche di elaborazione e i software adoperati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Presidente della Itel, Leonardo Diaferia, chiosa: “Credo nella scienza come ponte tra i popoli e le culture. I-One rappresenta l’avvio di una strategica relazione scientifica tra la Itel e la King Abdulaziz University.Grazie alla disponibilità degli “Ospedali Riuniti” di Foggia,mi auguro che questa esperienza possa essere l’avvio di un progetto ben più ampio, che porti la Puglia al centro di una rete internazionale in grado di fare ricerca e sperimentare nuovi radiofarmaci, non solo diagnostici ma anche terapeutici”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento