rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Salute San Severo

Pochi medici nel reparto Ostetricia e Ginecologia di San Severo: "Così rischia di chiudere"

L'allarme lanciato dal consigliere regionale dei Fratelli d'Italia, Giannicola De Leonardis

Giannicola De Leonardis, consigliere regionale ed esponente dei Fratelli d’Italia, a tre mesi dalla mobilitazione davanti al Masselli Mascia, torna a porre l’accento su una delle numerose criticità dell'ospedale di San Severo e lancia l'allarme: "Il reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale di San Severo rischia la chiusura nel giro di poche settimane”.

In merito alle problematiche del presidio ospedaliero dell’Alto Tavoliere, il consigliere regionale di Foggia spiega che "a fronte di 11 dirigenti medici previsti per 24 posti letto, ce ne sono in servizio solo 5 di cui 2 vincitori di concorsi che andranno via nelle prossime settimane, senza dimenticare che il primario è andato recentemente in pensione".

Tuttavia, sottolinea, "nonostante la carenza di medici all’interno del reparto, a San Severo si sono registrate 630 nascite nel 2021, numero al di sopra degli standard fissati dalla normativa nazionale. Quindi, se per quella che è la visione ormai aziendalistica della sanità italiana, il reparto è sicuramente produttivo, si rischia di perderlo perché la premiata ditta Emiliano-Palese, al di là di qualche annuncio sbandierato nelle scorse settimane, non ha certo provveduto a bandire concorsi per andare a coprire i troppi posti vacanti in ambito medico dell’ospedale sanseverese".

De Leonardis conclude: "Né è possibile continuare a perseguire l’infruttuosa strada di promuovere procedure di mobilità che non raccolgono adesioni. L’ospedale di San Severo continua ad essere abbandonato a sé stesso e a non essere presente nell’agenda del governo regionale, nonostante carenze e oggettive problematiche che stiamo denunciando e documentando da mesi”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pochi medici nel reparto Ostetricia e Ginecologia di San Severo: "Così rischia di chiudere"

FoggiaToday è in caricamento