Contro il Coronavirus arriva l'ossigeno-ozono terapia: il Policlinico di Foggia primo ospedale in Puglia a sperimentarla

Approvata la terapia come coadiuvante nella attuale grave emergenza sanitaria da Covid-19. E' più indicata in pazienti prima della intubazione. L’ossigeno-ozono terapia ha un potente potere anti-infiammatorio

Approvato dal comitato etico interprovinciale, parte al Policlinico Riuniti di Foggia la sperimentazione clinica dell’utilizzo dell’ossigeno-ozono terapia come coadiuvante nella attuale grave emergenza sanitaria da Covid-19. 

L’ossigeno-ozono terapia rappresenta un ulteriore importante approccio alle cure nella attuale emergenza sanitaria da Covid-19 ed è più indicata in pazienti prima dell’intubazione” - dichiara il direttore generale del Policlinico Riuniti dott. Vitangelo Dattoli. Il protocollo terapeutico sarà attivato a breve e la nostra azienda sarà la prima ad applicarlo tra gli ospedali in Puglia. Il trattamento potrebbe migliorare la funzionalità polmonare dei pazienti, non presenta effetti collaterali e potrà, inoltre, determinare una riduzione del rischio di contagio del personale sanitario oltre alla riduzione della carica virale ambientale”.  

L’applicazione del protocollo terapeutico per la cura dei pazienti affetti da Covid-19 sarà attivata presso la struttura complessa di Anestesia e Rianimazione Universitaria del Policlinico Riuniti di Foggia, diretta dalla prof.ssa Gilda Cinnella e consisterà nell'uso di una miscela di ossigeno e ozono per stimolare e aumentare i meccanismi di protezione nei confronti della produzione di radicali liberi e di sostanze tossiche per le cellule. 

In realtà, la pratica dell’ozono terapia è molto antica e nasce nei campi di battaglia della prima guerra mondiale perché furono notati effetti benefici nella disinfezione delle ferite, nell’accelerazione della loro guarigione, nell’incremento del flusso sanguigno locale e nella produzione di effetti anti-infiammatori.

L’utilizzo dell’ozono nell’infezione da Covid-19 trova la sua ratio sia nella modalità di trasmissione del virus che nel suo meccanismo d’azione - spiega Cinnella. L’ossigeno-ozono terapia ha un potente potere anti-infiammatorio che si esplica attraverso la liberazione di citochine dotate di attività immunostimolanti o immunodeprimenti. Si ipotizza che l’azione virustatica dell’ozono, utilizzato per via topica, orale, nasale ed oculare, possa permettere la riduzione della carica virale così da spegnere il focolaio nelle infezione da Covid19 con miglioramento dell’ossigenazione e della funzionalità polmonare.”

Con la prof.ssa Gilda Cinnella, parteciperanno alla conduzione della sperimentazione clinica la Prof.ssa Lucia Mirabella, il Dott. Leonardo Consoletti, il Dott. Karim Mariano, la Dott.ssa Nicoletta Di Francesco, la Dott.ssa Roberta Caporusso e il Dott. Francesco Barberio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: tir si ribalta a pochi chilometri da Foggia, un morto e un ferito

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Si torna a ballare in Puglia: verso la riapertura di club e discoteche all'aperto

  • Covid: nove dei 10 contagi sono del focolaio di Torremaggiore. Tre ricoverati e 83 persone in quarantena

  • Il gruppo Amadori vende azienda del Foggiano per 30 milioni. I nuovi proprietari sono le 'Fattorie Garofalo' di Capua

  • Locale sovraffollato, multa e 5 giorni di chiusura dopo 70 giorni di stop forzato. Titolari si scusano: "Situazione ingestibile"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento