Ai Riuniti di Foggia arriva la 'biblioteca ospedaliera': "Per alleviare, curare, sostenere"

“Un libro come medicina per l’anima” il motto dell'iniziativa. La cerimonia è prevista alle ore 16.00 presso i locali siti al quinto piano della Palazzina del Pronto Soccorso

“Un libro come medicina per l’anima”. Questo il motto dei volontari dell’Ass. Confraternita di Misericordia Foggia e del Centro Studi Diomede di Castelluccio dei Sauri che lunedì 18 marzo, alla presenza del Direttore Generale degli Ospedali Riuniti di Foggia, Vitangelo Dattoli, inaugureranno la biblioteca ospedaliera.

La cerimonia è prevista alle ore 16.00 presso i locali siti al quinto piano della Palazzina del Pronto Soccorso, in Viale Pinto, a Foggia.

“È dimostrato che i libri possono curare, alleviare, sostenere – spiegano i presidenti delle associazioni, Laura Pipoli e Michele Paglia - sempre più spesso la lettura viene adottata come pratica di accompagnamento per i percorsi di guarigione. Per questo motivo abbiamo pensato che beneficiari del servizio potranno essere tutti coloro che, a vario titolo, si trovano in ospedale: degenti, personale, familiari e visitatori”.

Il progetto, che prevede diverse attività, come il prestito bibliotecario in corsia, una sala lettura e attività di animazione per bambini e ragazzi, sarà realizzato in collaborazione con il CSV Foggia, con il patrocinio dell’Azienda Ospedaliero Universitaria di Foggia.

“Il libri diventeranno uno strumento utile per interrompere il lento e noioso tempo della degenza, creare momenti di socialità per superare la solitudine e rendere più leggero il bagaglio di emozioni”, spiega il Presidente del CSV Foggia, Pasquale Marchese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ruolo determinante sarà quello svolto dai giovani in servizio civile del progetto “Biblioteca nell’ospedale”, pensato proprio per creare, attraverso la promozione della lettura, un’opportunità terapeutica di sostegno alle cure tradizionali, contribuendo - nell’ambito del concetto di cura complessiva – alla guarigione e al benessere del paziente dando sollievo, divertendo, ispirando e, soprattutto, distraendo dal disagio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, sette casi in Puglia: quattro nuovi contagiati nel Foggiano

  • Terribile incidente stradale a Cerignola: 21enne muore sul colpo, 'miracolati' altri due giovani

  • Intenso nubifragio su Foggia: allagamenti e black out in città, chiuso il sottopasso di via Scillitani

  • Il mare agitato tiene 'in ostaggio' 7 persone (tra cui 3 bambini): militare di Amendola si tuffa in acqua e le salva: "Ho temuto anch'io"

  • Covid19, la Puglia si prepara all'ondata di ottobre: "Ospedali potenziati, regole severissime: sarà una campagna militare"

  • "Non posso 'chiudere' la Regione". Emiliano ai prefetti: "Regole ferree: dobbiamo convivere col virus"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento