rotate-mobile

Maria Elena, la ragazza dell'Admo che ha donato il midollo osseo: "E' stato bellissimo"

Un'iniziativa per sensibilizzare i giovani a donare midollo osseo: Admo incontra gli alunni del 'Perugini' per comunicare tramite le opere dei giovani artisti del liceo artistico.

Si è tenuto ieri pomeriggio, nell'auditorium della biblioteca 'Magna Capitana', l'incontro tra Admo e gli studenti per liceo artistico Perugini, per sensibilizzare alla donazione di midollo osseo, la cui richiesta supera sempre l'offerta.

Come spiega Antonio Placentino, consigliere Admo Puglia, "in Italia, ogni anno, 3000 persone necessitano di trapianto di midollo osseo e, solo l'anno scorso, sono morte 400 persone per mancanza di midollo osseo. Donare vuol dire, nella maggior parte dei casi, semplicemente dare la propria disponibilità perché, essendo così raro trovare la compatibilità, il 95% dei potenziali donatori non arriva a donare".

Chi può donare?

Può donare chiunque abbia un'età compresa tra i 18 e i 35 anni e abbia un peso corporeo di almeno 50 kg.

In cosa consiste la donazione?

Ci sono due tipi di donazioni: la più semplice è la donazione tramite prelievo del sangue, dal quale vengono estratte le cellule staminali emopoietiche. Nel caso della donazione di midollo osseo vero e proprio, ci si sottopone ad un piccolo intervento chirurgico, durante il quale viene prelevato il midollo dalle ossa piatte. Purtroppo molti sono convinti che donare midollo osseo consista in un prelievo (doloroso) dalla spina dorsale. Quella è la donazione di midollo spinale, che poco ha in comune con il midollo osseo.

All'evento era presente anche Maria Elena De Pascale, una donatrice che ha raccontato la sua esperienza e i motivi che l'hanno spinta ad aiutare il prossimo, salvando letteralmente una vita. "E' stato bellissimo, un'esperienza unica".

Video popolari

Maria Elena, la ragazza dell'Admo che ha donato il midollo osseo: "E' stato bellissimo"

FoggiaToday è in caricamento