Zooprofilattico, deliberato il nuovo assetto organizzativo: 6 strutture complesse, 38 semplici e 13 servizi per la tutela dei cittadini

Il nuovo assetto organizzativo prevede strutture capaci di approntare risposte efficaci e a breve termine a nuove emergenze sanitarie che richiedano un approccio One Heath

Il Consiglio di Amministrazione dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Puglia e della Basilicata, in collaborazione con la Direzione Generale, ha deliberato il nuovo regolamento per l’ordinamento interno dei servizi dell’Ente (delibera n.6 del CdA). Il nuovo assetto organizzativo dell’Istituto prevede 6 Strutture Complesse, 38 Strutture Semplici e 13 Servizi che contribuiranno ad ottimizzare l’attività sul territorio delle due regioni e a rendere più efficace il servizio di tutela della salute dei cittadini.

La crisi sanitaria e socio-economica generata dalla pandemia ha reso ancora più urgente la necessità di guardare al futuro, strutturando strategie in grado di rispondere adeguatamente alle prossime sfide e alle possibili opportunità. L’Istituto ha, quindi, inteso la propria riorganizzazione come una grande opportunità di rilancio. In tal senso il nuovo assetto organizzativo prevede strutture capaci di approntare risposte efficaci e a breve termine a nuove emergenze sanitarie che richiedano un approccio One Heath.

La forte connotazione sociale che hanno assunto negli ultimi anni alcune tematiche sanitarie hanno indotto l’ente a rafforzare alcune attività riguardanti la salvaguardia della fauna selvatica terrestre e marina, la tutela dei prodotti tipici, lo studio delle malattie trasmissibili dagli animali all’uomo, la sicurezza alimentare.

La visione strategica del nuovo assetto organizzativo si esprime anche attraverso la formalizzazione di un nuovo approccio diagnostico, fortemente improntato sulle più avanzate tecniche biomolecolari. Questo consentirà di ottimizzare il ruolo dell’ente a supporto del territorio, grazie a risultati più attendibili in tempi estremamente più rapidi e permetterà altresì di valorizzare le nuove competenze scientifiche maturate da giovani laureati. I giovani, infatti, rappresentano un elemento di crescita straordinario, un imprescindibile punto di partenza in grado di assicurare all’Istituto il raggiungimento di prestigiosi traguardi scientifici nazionali ed internazionali. 

Come da Statuto dell’Izspb il documento è stato inviato alla Regione Puglia e alla Regione Basilicata per essere definitivamente approvato dai relativi Consigli Regionali. Solo dopo l’approvazione sarà attuativo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento