Fibrosi cistica: risolto l'impasse che metteva a rischio 400 pazienti pugliesi, "spazio di eccezionalità" per le malattie rare

Così il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha commentato la risposta del Ministero della Salute che ha inteso chiarire che per quanto riguarda le prescrizioni emesse dai centri autorizzati dalla Regione nei confronti di pazienti affetti da Fibrosi Cistica

Foto di repertorio

“Abbiamo ricevuto in queste ore la nota di chiarimento del Ministero della Salute alla nostra richiesta in merito alla erogabilità di farmaci a pazienti affetti da Fibrosi cistica e/o da Malattie rare e davvero, possiamo dire, di aver raggiunto un ottimo risultato. Mi sono impegnato, insieme con gli uffici regionali competenti, affinchè siano sempre salvaguardate la continuità delle cure e la tutela della salute delle persone interessate e oggi finalmente possiamo fornire indicazioni operative e precise alle Aziende Sanitarie”.

Così il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha commentato la risposta del Ministero della Salute che ha inteso chiarire che per quanto riguarda le prescrizioni emesse dai centri autorizzati dalla Regione nei confronti di pazienti affetti da Fibrosi Cistica “risulta inclusa nei livelli essenziali di assistenza l'erogazione a titolo gratuito, per la cura a domicilio dei pazienti affetti da tale malattia, delle prestazioni sanitarie, ivi compresa la fornitura gratuita del materiale medico, tecnico e farmaceutico necessario (ossia i farmaci necessari secondo le indicazioni terapeutiche prescritte dai Centri di riferimento regionali a prescindere dalla fascia di rimborsabilità appartenenza).

Proprio questa mattina il genitore di un paziente, ovvero l’avv. Matteo Silba di Stornara, ci metteva al corrente che il costo del piano terapeutico medio mensile ammontasse a 6.500 euro, una spesa improponibile per qualsiasi genitore, aggiungendo che ”da questa malattia non si guarisce, ma con queste cure si garantisce ai pazienti la vita ed il tempo dell'attesa di una cura risolutiva”. 

Il suo grido d’indignazione era legato appunto al piano di rientro approvato dalla Regione Puglia, e altre 5 regioni (Calabria, Sicilia, Campania, Molise e Lazio), al fine di contenere le spese sanitarie tra cui la farmaceutica.

La dott.ssa Silvia Arcà, Direttore dell’Ufficio II della Direzione Generale della Programmazione Sanitaria del Ministero della Salute, nella nota del 21 dicembre 2018 affermava che le prestazioni erogabili in esenzione ai malati cronici e rari, devono essere comunque incluse nei LEA, e che sono esclusi dall’esenzione i farmaci di classe C e gli integratori. In questa classe di farmaci rientrano anche il Creon 25000ui e il Creon 5000ui, indispensabili nel trattamento dell’insufficienza pancreatica esocrina causata da fibrosi cistica. Pertanto, i malati di fibrosi cistica residenti nella Regione Puglia, che assumono queste formulazioni del farmaco, si vedono privati del loro diritto alla continuità terapeutica.

400 pazienti e altrettante famiglie possono finalmente tirare un sospiro di sollievo per quei farmaci "insostituibili, infungibili, considerati salvavita" e che "devono essere assunti ad ogni pasto e non possono non essere somministrati per un periodo anche limitato " come aveva sottolineato Gianna Puppo Fornaro, Presidente della Lega Italiana Fibrosi Cistica onlus.

Per quanto riguarda invece le Malattie Rare, il Ministero ha introdotto uno spazio di eccezionalità (“pur ribadendo la linea generale, in base alla quale non è prevista la rimborsabilità in regime SSN dei prodotti extra-lea prescritti per gli assistiti residenti nelle Regioni sottoposte a Piano di Rientro per la riqualificazione del SSR”). Il Ministero infatti ha previsto che in casi del tutto eccezionali, si possa presentare “ …specifica istanza alla Asl per l’emanazione di un provvedimento ad hoc che disponga l’erogazione dei prodotti in questione, a seguito di una valutazione clinica che ne attesti la “indispensabilità e insostituibilità”…”.

“Le istanze dovranno essere presentate al Distretto Socio Sanitario di residenza dell’assistito – ha detto Giancarlo Ruscitti direttore regionale del Dipartimento Promozione della salute e del Benessere sociale – e dovranno essere corredate di dettagliata relazione clinica redatta dal Centro autorizzato dalla Regione alla diagnosi e cura della malattia rara. Le istanze poi  dovranno essere valutate ed approvate da apposita commissione costituita dal Direttore Sanitario, Direttore del Distretto Socio Sanitario e dal Direttore del Servizio Farmaceutico Territoriale dell’Azienda Sanitaria Locale, ai fini della successiva eventuale erogazione diretta in regime SSN”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Incredibile al carcere di Foggia, detenuto telefona ai carabinieri dalla cella: "Siamo al ridicolo"

  • Carabinieri setacciano l'area "internazionale" del Santuario di San Pio: scattano arresti e denunce

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento