Salute

E' foggiana la prima 'infermiera di comunità' della Puglia. Si avvera il sogno di Emanuela: "Amo la mia professione"

Al momento, alla manifestazione d’interesse indetta dalla Asl Foggia hanno risposto, oltre ad Emanuela, altri 24 infermieri di comunità a cui la direzione dà ufficialmente il benvenuto

Emanuela e il direttore Piazzolla

Ha firmato il contratto di lavoro e a breve prenderà servizio la prima “infermiera di comunità” della Asl Foggia e dell’intera regione Puglia. È Emanuela Colelli, ha 24 anni e un gran desiderio di svolgere la professione che ha sempre desiderato fare. 

Non l’infermiera tradizionale all’interno di un ospedale, con tanto di camere di degenza, posti letto, pazienti ricoverati, caposala e medici a cui fare riferimento per qualsiasi problematica, ma l’operatore sanitario addetto alla presa in carico delle cronicità e alla prevenzione, promozione e educazione alla salute, attivamente impegnato sul territorio in un’ottica pro-attiva che coinvolge la persona, la famiglia e la collettività. 

Una scelta coraggiosa per una figura professionale nuova, centrale dell’assistenza distrettuale, chiamata a svolgere una strutturale attività assistenziale territoriale in tutte le situazioni di fragilità protetta. A partire, in questo particolare periodo, dall’assistenza a domicilio dei pazienti positivi al Covid-19.

Fresca di laurea, conseguito il titolo il 24 novembre scorso, Emanuela si unirà all’equipe della Unità Speciale di Continuità Assistenziale Uscadi Lucera. “All’inizio non immaginavo di trovare un lavoro così presto. Per questo, la chiamata della Asl mi ha colto di sorpresa. Questo sarà il mio primo incarico e lo affronterò con entusiasmo, motivazione e come una sfida personale. Ho sempre avuto le idee chiare su ciò che avrei fatto nella vita e l’incarico di infermiera di comunità, al di là dell’attuale emergenza in atto, rappresenta esattamente il percorso che ho scelto. Di questa professione, infatti, amo proprio la possibilità di stabilire un contatto diretto che, andando oltre l’erogazione dell’assistenza, permette di attivarla instaurando con le persone e le comunità legami collaborativi e pro-attivi” ha raccontato Emanuela Colelli al direttore generale Vito Piazzolla al momento della stipula del contratto.

Al momento, alla manifestazione d’interesse indetta dalla Asl Foggia hanno risposto, oltre ad Emanuela, altri 24 infermieri di comunità a cui la direzione dà ufficialmente il benvenuto. 

I termini per presentare la domanda di partecipazione resteranno aperti sino al perdurare dell’emergenza sanitaria in corso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' foggiana la prima 'infermiera di comunità' della Puglia. Si avvera il sogno di Emanuela: "Amo la mia professione"

FoggiaToday è in caricamento