Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A 'Casa Sollievo' le neo-mamme donano il latte per i bimbi prematuri: "E' un dono, e non bisogna sprecarlo"

Nell'ospedale voluto da San Pio, i primi 10 anni della 'Banca del latte umano donato'. Quitadamo: "E' un sistema virtuoso per la raccolta del surplus di latte materno". Mamme generose e sensibili: "Donazioni mai interrotte, anche durante il lockdown"

 

Annamaria, mamma e infermiera, è una delle tante donatrici che alimentano la 'Banca del latte umano donato' attiva da 10 anni a 'Casa Sollievo della Sofferenza'. Si tratta di un sistema di raccolta per garantire il prezioso 'nettare' (e con esso tutti i benefici che comporta) ai neonati prematuri che - per vari motivi - non hanno a disposizione il latte della propria mamma. 

"La banca del latte è un sistema virtuoso finalizzato alla raccolta del surplus del latte materno", spiega Pasqua Quitadamo, neonatologa di Casa Sollievo. "Possono donare tutte le neo-mamme entro i primi 6 mesi, dopo essere state sottoposte ad una accurata anamnesi". 

Il 10° anno della speciale 'banca' è coinciso con un anno difficilissimo, nel quale la scure del Covid-19 ha impattato negativamente sulle donazioni. Questo è accaduto in tutto il mondo, ma non a Casa Sollievo: "Noi rappresentiamo l'esempio positivo", continua Quitadamo. "La donazione durante il periodo del lockdown è stata davvero importante, con un bilancio superiore allo stesso periodo degli anni precedenti. E tutto questo grazie alla generosità delle donatrici". 

Nel periodo febbraio-maggio, infatti, quello delle misure restrittive più forti, 15 donne hanno donato 91,25 litri di latte. Ovvero oltre 30 litri in più dell'anno precedente, quando - nello stesso periodo di riferimento - 12 madri raccolsero e donarono 58,7 litri. "Mi sono sentita onorata", spiega Annamaria, che ha conosciuto questa opportunità in ospedale. "Donare è di per sè un dono, e non bisogna mai sprecarlo", conclude | IL VIDEO

Copyright 2020 Citynews

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento