Salute

In Puglia 'gradino' anomalo nella curva epidemica, Lopalco: "Colpa del senso di rilassamento dall'8 dicembre"

L'epidemiologo e assessore regionale alla Sanità mostra l'andamento dei contagi nella seconda ondata del virus ed evidenzia una interruzione della discesa dal ponte dell'Immacolata. Da qui l'appello accorato a non abbassare la guardia

Una ascesa ripida, un picco evidente ed una discesa altrettanto rapida visibile nei primi giorni di dicembre. E poi il gradino. Cioè, la discesa si interrompe per raggiungere un nuovo plateau. Così l'epidemiologo e assessore alla Sanità della Regione Puglia Pier Luigi Lopalco descrive la curva epidemica della seconda ondata pandemica in Puglia. Si riferisce al periodo che va dal 9 luglio al 22 dicembre.

Nella sua prima parte, la curva è da manuale. Poi, dopo il 7 dicembre si osserva un andamento anomalo, per l'appunto lo scalino di cui parla Lopalco che sceglie proprio il cartello di pericolo che segnala un gradino per invitare la popolazione a non perdere l'equilibrio proprio ora. "Non credo sia sbagliato pensare che la causa di questa interruzione sia stato il senso di rilassamento che ha preso un po' tutti (in tutta Italia) a partire dal ponte dell'8 dicembre. Abbassare la guardia in piena ondata pandemica genera questi fenomeni. Siamo in pieno inverno, i virus respiratori hanno terreno facile. Bastano pochissimi giorni e la circolazione riprende forza".

Sa, per inciso, che parlare di curve epidemiche a Natale "non è proprio il massimo della festa", ma non nasconde le preoccupazioni. E così, si lascia andare ad un accorato appello: "Ve lo chiedo con il cuore in mano, in questi giorni di feste, attenti al gradino".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Puglia 'gradino' anomalo nella curva epidemica, Lopalco: "Colpa del senso di rilassamento dall'8 dicembre"

FoggiaToday è in caricamento