Salute

Effetto Covid, crollano le donazioni di sangue in Puglia: 11.414 in meno. E gli ospedali sono in difficoltà

L'emergenza Coronavirus ha prodotto un consistente calo: da marzo a oggi si registrano 11.414 donazioni in meno rispetto allo stesso periodo del 2019. Quest'anno, peraltro, sono state prodotte meno sacche ma il consumo è stato più elevato

L'emergenza Coronavirus ha prodotto un significativo calo delle donazioni di sangue in Puglia. I dati del Centro regionale sangue segnalano 11.414 donazioni in meno da marzo ad oggi rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Dall'inizio della pandemia sono stati 135.415 i prelievi contro i 146.829 registrati nel 2019. Il calo sta mettendo in difficoltà gli ospedali pugliesi perché c'è sempre bisogno di sangue: serve per gli interventi chirurgici di urgenza ma anche per : trapiantati, dializzati, leucemici e microcitemici, pazienti domiciliari.

A marzo e aprile, i due mesi di lockdown generale, in Puglia ci sono state 6.892 donazioni in meno rispetto al 2019. Nei mesi estivi c'è stato un leggero recupero ma ad ottobre e novembre è stato evidenziato un nuovo calo.

Da gennaio a novembre, in Puglia sono state prodotte 141.406 sacche di sangue, ma il consumo è stato più elevato, 144.572 unità. Un trend in controtendenza rispetto al 2019 quando ne furono raccolte 146.911 e consumate 141.406.

I centri trasfusionali adottano tutte le misure di sicurezza: le poltrone sono distanti, l’attesa non prevede assembramento e gli operatori accedono con dispositivi di sicurezza. Donare, peraltro, rientra tra i motivi di necessità per cui è possibile spostarsi in base al Dpcm.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Effetto Covid, crollano le donazioni di sangue in Puglia: 11.414 in meno. E gli ospedali sono in difficoltà

FoggiaToday è in caricamento