Il Covid-19 spaventa il Gargano: nei Centri Padre Pio servizi ridotti all'osso e personale in quarantena fiduciaria

La Fondazione: "Costretti ad affrontare una situazione di allerta massima e straordinaria. Alcuni operatori della struttura sono coniugi o parenti stretti di quelli attualmente in quarantena; la struttura, inoltre, espleta la sua maggiore attività nel territorio pugliese attualmente più colpito ed esposto"

Immagine di repertorio

Dopo la comunicazione dell’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza (che ha ufficializzato i dati di quarantena e di pazienti risultati sintomatici e positivi al COVID-19) nel rispetto massimo di una comunicazione chiara e trasparente a beneficio di operatori e utenti, la Fondazione Centri di Riabilitazione Padre Pio rende noto alcune

Nonostante tutte le accortezze possibili, la scrupolosità nel rispetto delle ottemperanze ministeriali e regionali, con tutte le difficoltà del momento nel reperire, anche a prezzi irragionevoli, i dispositivi di protezione individuali (a cui nuova e ulteriore fornitura è attesa per domani mattina), nonostante la chiusura di tutti i 12 presidi ambulatoriali distribuiti su tutto il territorio provinciale e una riduzione drastica delle prestazioni domiciliari nel rispetto delle disposizioni della Regione Puglia, la Fondazione si vede costretta ad affrontare una situazione di allerta massima e straordinaria che va oltre le stesse disposizioni istituzionali.

Tale comportamento precauzionale è dovuto al fatto che alcuni operatori della struttura sono coniugi o parenti stretti degli stessi operatori attualmente in quarantena e che la struttura vede espletarsi la sua maggiore attività nel territorio pugliese attualmente più colpito ed esposto. Pertanto, nel rispetto di una comunicazione attenta, misurata ma trasparente, la Fondazione dichiara di aver ridotto al minimo indispensabile anche tutti i servizi non presi in considerazione dalle disposizioni succitate; di suggerire a famigliari e utenti, il rientro immediato presso il proprio domicilio anche degli assistiti ricoverati ma non gravi e indifferibili; di procedere immediatamente a porre in quarantena fiduciaria e volontaria tutto il personale che in qualche modo ha avuto contatti con altre persone potenzialmente a rischio di contagio ed in particolare parenti e conoscenti del personale dell’Ospedale CSS con i quali hanno costanti contatti o avuto contatti negli ultimi periodi.

La sospensione di nuovi accessi dall’Ospedale, nel rispetto delle disposizioni ministeriali e regionali. La distribuzione, domani, di ulteriori dispositivi di protezione individuale a tutto il personale. Inoltre, poiché presso il Presidio “Gli Angeli di Padre Pio”, accreditato a livello internazionale JCI, già da un anno sono in vigore tutte le procedure di tutela del rischio clinico ed è presente un Comitato Infezioni Ospedaliere (CIO) che vede la presenza di esperti infettivologi e igienisti degli Ospedali Riuniti di Foggia, c’è un’interlocuzione continua tra loro per gestire al meglio l’emergenza, compreso quella delicata territoriale, il Responsabile della gestione del rischio clinico della Fondazione, domani metterà in pratica, per la seconda volta in meno di un anno, anche lo strumento della Safety Walkaround, ovvero un  giro della sicurezza con la Direzione Sanitaria del Presidio e tutti i componenti del CIO già presenti in struttura, una tecnica proattiva che cercherà, con la collaborazione del personale e degli utenti, di evidenziare situazioni, processi o modalità comportamentali che celano i cosiddetti “latent failure”, gli errori nascosti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltreché, ovviamente per ascoltare, nel rispetto massimo della distanza di sicurezza e di tutti gli accorgimenti necessari e previsti, tutti coloro che, tra operatori e utenti, possono suggerire modalità organizzative più efficaci ed efficienti. Per la RSA ed RP di Isernia, invece, anche se ad oggi non si registrano contagi in quella provincia, sono stati messi in atto i protocolli finora utilizzati per tutti i Presidi della Fondazione. Inoltre, il Direttore dell’Area Sanitaria ha proceduto, in accordo con la Direzione Sanitaria del Presidio, agli adempimenti delle ordinanze ministeriali e della Regione Molise.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Regionali Puglia: i risultati in diretta

  • Attimi di paura in via Monfalcone: aggrediti agenti della Locale, per aver chiesto di abbassare il volume della musica

  • Foggia fa il botto di consiglieri regionali: ecco i nomi dei 'Magnifici 10' che rappresenteranno la Capitanata in Puglia

  • Tragedia sulle strade del Gargano: morto motociclista di 31 anni, impatto fatale con un'auto

  • Chi potrebbe andare a Bari: ok Piemontese e Tutolo. Incertezza nel centrodestra, in bilico anche Rosa Barone

  • Elicottero sorvola Foggia: raffica di perquisizioni, forze dell'ordine a caccia di armi e droga

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento