Dramma dell'isolamento per anziani e malati d'alzheimer. Il don Uva corre ai ripari: tablet e videochiamate ai parenti

Si parte il 30 marzo in Rsa, Art.26 e Alzheimer. Universo Salute: "Confidiamo di alleggerire il dramma dell'isolamento dei nostri ammalati ma anche delle loro famiglie, preoccupate della salute dei loro cari"

Immagine di repertorio

Tablet e sistemi di videochiamata per mettere in contatto pazienti e familiari. E' l'iniziativa che dal 30 marzo partirà, in via sperimentale, nella sede di Foggia dell'Opera Don Uva.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Verrà attivato un servizio di videochiamata in Rsa, Art.26 e Alzheimer per permettere ai nostri ospiti di ricreare un rapporto più stretto, anche se virtuale, con le famiglie a casa", spiegano da Universo Salute. "Allo scopo verranno utilizzati i tablet già in dotazione ai reparti. Confidiamo di aver alleggerito in questo modo il dramma dell'isolamento dei nostri ammalati ma anche delle loro famiglie, preoccupate della salute dei loro cari".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Taglio e piega a domicilio, nonostante il Coronavirus: sorpresa e denunciata parrucchiera abusiva

  • "Venite c'è un'autovettura rubata". Polizia si precipita in via Lucera: non era rubata ma dentro c'era della cocaina

  • Coronavirus, giovane foggiano trasferito d'urgenza a Bari: in gravi condizioni si è reso necessario l'impiego di Ecmo

  • Feltri terrorizzato da Foggia: non lo ferma nemmeno il dramma del Coronavirus, è odio nei confronti del capoluogo

  • Coronavirus: se un defunto muore in casa nessuna vestizione (indipendentemente dalla causa del decesso)

Torna su
FoggiaToday è in caricamento