rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Salute

Chirurgia mini-invasiva nei bambini: diagnosi tempestiva per aggredire il tumore e riduzione dei rischi

Al Policlinico di Bari la radiologia mini-invasiva pediatrica evita interventi chirurgici ai piccoli pazienti. A eseguire le procedure il dott. Cristian Dell’Atti, i vantaggi sono la riduzione dei rischi e la diagnosi tempestiva necessaria per aggredire subito il tumore

Oltre cento procedure radiologiche interventistiche già eseguite su bambini in età pediatrica o neonatale. Al Policlinico di Bari la quasi totalità delle diagnosi oncologiche pediatriche è ottenuta con la metodica radiologica interventistica mini-invasiva. Rispetto alla biopsia chirurgica open “tradizionale” i vantaggi per i bambini sono la riduzione dei rischi: anestesiologici,  di complicanze peri-chirurgiche (sanguinamenti, infezioni della breccia chirurgica, etc.) o di contaminazione neoplastica del sito chirurgico.

A eseguire le procedure sono i radiologi interventisti, in particolare il dottor Cristian Dell’Atti e Lucarelli, dell’unità operativa di Radiologia diretta dal prof. A. Stabile Ianora. Mediante la tecnica dell’ago tranciante inserito sotto guida radiologica (ecografica, Rx o Tc) per via percutanea (tecnica “tru-cut”) è possibile, nella maggioranza dei pazienti anche di piccola o piccolissima età, ottenere materiale sufficiente sia per la diagnostica istologica convenzionale, che per quella citogenetica, molecolare nonché per gli studi di “gene profiling” necessari per i programmi terapeutici di “precision medicine”.

Questa procedura minimizzando i tempi di esecuzione, permette all’equipe dell’oncoematologia pediatrica, diretta dal dottor Nicola Santoro, di avere una diagnosi tempestiva e poter procedere alla cura immediata del tumore.

Sono state ad oggi eseguite procedure bioptiche in pazienti molto piccoli e su neoplasie site in sedi molto difficili da raggiungere con tecnica chirurgica open, in particolare il mediastino, il retroperitoneo, gli spazi paravertebrali e recentemente anche la cavità orbitaria.

La collaborazione fra gli oncologi pediatri ed i radiologi interventisti permette di velocizzare notevolmente l’ottenimento di una corretta diagnosi, contribuendo a migliorare significativamente le probabilità di guarigione dei piccoli pazienti oncologici del Policlinico di Bari. 

 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chirurgia mini-invasiva nei bambini: diagnosi tempestiva per aggredire il tumore e riduzione dei rischi

FoggiaToday è in caricamento