menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

"Casi in aumento tra i bambini". Lopalco preoccupato dalla variante inglese: "Basta poco perché il trend risalga"

L'assessore alla Sanità: "C'è una proporzione di casi di variante rispetto al totale dei positivi che è tra il 15 e 16 per cento, però essendo un virus più contagioso abbiamo paura che possa prendere il sopravvento"

"Siamo in una situazione di confine e basta molto poco perché il trend risalga". A parlare è l'assessore alla Sanità pugliese, Pierluigi Lopalco. La situazione dei contagi in Puglia "è stabile", con un numero di casi settimanali che "resta alto, anche se c’è stata una lieve diminuzione che ci ha permesso di passare in zona gialla".

Come riporta BariToday.it, Lopalco, intervenuto all'inaugurazione della nuova clinica barese di IVI, multinazionale leader mondiale nella medicina riproduttiva, ha anche parlato, nello specifico, della variante inglese che in questo momento preoccupa in particolar modo. "Purtroppo - ha detto l'assessore alla Sanità - stiamo già osservando un aumento dei casi, soprattutto nelle fasce di età più giovani: nei bambini. In questo senso, stiamo monitorando il problema della variante inglese".

"Per il momento abbiamo trovato una proporzione di casi di variante rispetto al totale dei positivi che è tra il 15 e 16 per cento, però essendo un virus più contagioso abbiamo paura che nelle prossime settimane possa prendere il sopravvento come accaduto in altre regioni. Questo porterebbe ad una circolazione ancora maggiore proprio nelle fasce di età più giovani".

Quanto alla prospettiva di un nuovo lockdown nazionale, in relazione all'appello lanciato da Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, Lopalco ha commentato: "Semmai in questo momento anziché parlare di lockdown penserei a delle misure selettive, rafforzate, per evitare tutte quelle situazioni in cui virus circola di più e che conosciamo ormai bene. Quando eravamo in zona arancione – ha concluso – c’erano tante cose che non si potevano fare. E anche ora in zona gialla c’è il coprifuoco. I divieti, quindi, continuano ad esserci”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La strega comanda color color...rosso!

Attualità

Il Governo reintroduce la zona gialla e riapre le attività all'aperto. Il premier Draghi: "Rischio ragionato su dati in miglioramento"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento