Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Iaccarino gira la frittata e tira in ballo Landella e famiglia: "Se c'è insoddisfazione mandiamo a casa il sindaco"

Messaggio alle opposizioni: "Cari amici non cadete nel tranello: una mozione di sfiducia deve essere valida nei contenuti e non sulla base dei sentimenti altrui"

 

"Quando il sindaco si rende responsabile di alcune vicende personali e familiari, non ho visto la stessa attenzione che si sta avendo in queste ore nei confronti del presidente del Consiglio comunale di Foggia".

Iaccarino elenca tutta una serie di accadimenti e tira in ballo, non solo il sindaco di Foggia, ma anche la sua famiglia. "Perché il sindaco in quelle circostanze non si è dimesso? E perché qualche consigliere comunale in quelle circostanze non ha presentato formalmente una mozione di sfiducia a suo carico?"

Evidentemente non è passata la linea dell'avvocato Vaira, che fino a ieri pomeriggio aveva consigliato la strada del buon senso e provato ad indicare ben altra via che questa.

Iaccarino ha invece affidato la sua personale difesa al tentativo di ribaltare la situazione dopo esser finito nel tritacarne politico-mediatico per i colpi sparati dal balcone da lui e dal figlio minorenne la sera del 31 dicembre: "Ho preferito salvaguardare i miei figli e non farli scendere nel cortile di casa a sparare dei petardi, ho ben pensato di farli divertire con una pistola giocattolo, tra l'altro rendendomi anche partecipe di questo loro gioco". "Nè offese, danni e reato"  precisa.

Leonardo Iaccarino non solo non si dimette ma rilancia: "C'è insoddisfazione, ma si può recuperare in una sola maniera, presentando una mozione di sfiducia nei confronti del primo cittadino".  Fornisce anche le motivazioni alla base di un eventuale documento. Quanto a una sfiducia nei suoi confronti manda un messaggio alle opposizioni: "Cari amici non cadete nel tranello: una mozione di sfiducia deve essere valida nei contenuti e non sulla base dei sentimenti altrui". E sull'episodio minimizza ancora: "L'immagine di Leonardo Iaccarino si è sporcata solo perché nell'ambito della propria famiglia e delle mura familiari è stato ripreso dal proprio figlio e poi maledettamente è stato trasmesso questo video?".

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento