Rimosso da assessore, Verile querela Landella: “Affermazioni false e denigratorie”

L’ex consigliere comunale ed ex assessore al Bilancio contro il sindaco che “confonde la elezione diretta del sindaco della città con il diritto di proprietà della stessa”

Domenico Verile

Dopo Raimondo Ursitti, anche Domenico Verile, ex consigliere comunale in quota ‘Conservatori e Riformisti’ ed ex assessore al Bilancio, ha depositato formale querela per diffamazione nei confronti del sindaco di Foggia, Franco Landella, “per le affermazioni false e denigratorie con cui lo scorso 6 agosto ha inteso rimuovermi dalla carica di assessore al Bilancio del Comune di Foggia”.

Dichiara Verile: “Le motivazioni addotte dal sindaco per estromettere un assessore evidentemente scomodo dalla sua giunta dopo meno di 40 giorni di mandato non solo sono menzognere ma hanno arrecato grave pregiudizio all’immagine del sottoscritto, da sempre improntata alla più rigorosa rettitudine e correttezza morale, tanto nel pubblico quanto nel privato”. 

L’ex assessore sottolinea: “Il mio curriculum e la mia storia politica parlano da soli e chiaramente, ed il sindaco ha osato infangarli con dichiarazioni false e calunniose al sol fine di dare una giustificazione ad una azione certamente preordinata e figlia di una barbarica idea che nulla ha di politico ma che evidentemente è frutto di una visione padronale della cosa pubblica e, pertanto, non rispondente ai minimali principi di rappresentanza democratica che dovrebbero, invece, appartenersi a soggetti espressione ed oggetto di legittimazione popolare nei vari livelli di rappresentatività”.

E prosegue: “E’ di tutta evidenza, infatti, lo scempio perpetrato nei confronti delle migliaia di cittadini che liberamente hanno inteso farsi rappresentare da me e dagli amici Gianni De Rosa e Gabriella Grilli; scempio che la dice lunga sul modo di interpretare la gestione della cosa pubblica da parte di Franco Landella, il quale, evidentemente, confonde la elezione diretta del sindaco della città con il diritto di proprietà della stessa, rischiando così di creare un pericolosa deriva dalla quale si evince un diritto imperativo che mal si concilia con i più basilari elementi riconducibili alla rappresentatività del consesso di cui si è espressione”.

L’ex consigliere comunale ed ex assessore al Bilancio conclude: “E per questi motivi che ho inteso procedere a formale querela nei confronti del sindaco, ritenendo questa mia azione  un primo momento di tutela in grado di ripristinare non solo  la verità dei fatti e la mia dignità, ma anche di evidenziare la indispensabilità di far prevalere interessi generali e di rappresentanza rispetto ad una visione padronale della cosa pubblica”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento