Politica

"Rimpasto non può essere monopolio di pochi". L'Udc rivendica pari dignità. "Vittoria di Landella anche grazie a noi"

Il coordinatore provinciale dell'Unione di Centro, Francesco D'Innocenzio, avverte: "Non possiamo restare a guardare mentre altri decidono del futuro dell'attuale amministrazione e di un eventuale rimescolamento di deleghe assessorili"

Francesco D'Innocenzio

"La verifica al Comune di Foggia non può essere monopolio di pochi a svantaggio di quanti hanno contribuito alla vittoria del sindaco Landella a cui va il nostro pieno sostegno e vicinanza con la presenza e l'azione del consigliere Antonio Capotosto". Lo sostiene il coordinatore provinciale dell'Udc di Capitanata, Francesco D'Innocenzio, che rivendica pari dignità tra tutte le forze politiche presenti in Consiglio comunale a sostegno dell'amministrazione di Franco Landella.

"Abbiamo contribuito con 1825 voti alla vittoria di un anno fa, e con la presenza del consigliere Antonio Capotosto abbiamo sostenuto ogni azione della giunta di centrodestra, ma non possiamo restare a guardare mentre altri decidono del futuro dell'attuale amministrazione e di un eventuale rimescolamento di deleghe assessorili che sono state attribuite anche con il consenso dell'Udc", incalza D'Innocenzio.

"Non abbiamo bisogno di badanti e chiediamo di mantenere fede a un patto voluto un anno fa. Siamo pronti - conlude il coordinatore provinciale dell'Udc - a discutere del futuro amministrativo della città di Foggia e del rilancio della coalizione in piena fiducia con l'azione del sindaco Landella".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Rimpasto non può essere monopolio di pochi". L'Udc rivendica pari dignità. "Vittoria di Landella anche grazie a noi"

FoggiaToday è in caricamento