Politica Lucera

Pasqua ammonisce Tutolo: “Fatti concreti per fronteggiare la crisi economica e sociale”

Secondo il responsabile Enti Locali della Segreteria provinciale del Pd, le risposte offerte finora dalla Giunta, non sono state sufficienti, ma apre al confronto e alla collaborazione

“L’aggravarsi della condizione economica e sociale nella città di Lucera è seriamente preoccupante. La recrudescenza dell’iniziativa criminale e la disoccupazione dilagante sono le emergenze provocate e alimentate dallo sfilacciamento del tessuto connettivo comunitario, che sarà ulteriormente degenerato dalla riduzione della spesa per i servizi e le attività di assistenza e sostegno determinata dall’avvio delle procedure per il riconoscimento del pre dissesto finanziario da parte dell’Amministrazione comunale”, sono le parole di Tommaso Pasqua, responsabile Enti locali della segreteria Provinciale del Pd.

“Vero è che la Giunta guidata da Antonio Tutolo si trova a fronteggiare anni di malgoverno della destra, ma le risposte che sta offrendo si sono dimostrate insufficienti e più orientate allo scontro che al confronto e alla collaborazione”, ha evidenziato.

Operare tagli generalizzati – prosegue - e non orientati all’affermazione della cultura dell’efficienza colpisce indistintamente i cittadini e non elimina privilegi e distorsioni della spesa. Così come i nodi della pianificazione urbanistica devono essere sciolti e non ulteriormente aggrovigliati dalle incertezze della politica e dai ritardi degli uffici. Il Partito Democratico di Lucera chiede chiarezza e fatti concreti”.

“Il tempo delle promesse elettorali e dei comizi populistici è finito – ammonisce Pasqua - sono trascorsi sei mesi dall’elezione del sindaco e vediamo molto fumo, ma poco arrosto. A lui e alla Giunta chiediamo di eliminare il cortocircuito tra i gangli dell’Amministrazione per occuparsi più e meglio dei problemi concreti della città. Si occupi della quantità e della qualità dei servizi, promuova investimenti produttivi coinvolgendo il sistema economico, inserisca la città nei circuiti culturali. Se, al contrario, decideranno di incrociare le braccia in attesa dei soldi del fondo di rotazione, si rischia che i soldi arrivino quando non serviranno a granché”.

“Il Partito Democratico – conclude - ritiene sia urgente aprire un confronto istituzionale e sociale sui problemi della città, per elaborare una strategia ampiamente condivisa e fondata sulla piena assunzione di responsabilità del ruolo che ciascuno di noi ha nelle istituzioni e nella società. Noi siamo pronti a fare la nostra parte senza chiedere alcunché in cambio, perché non ci interessano inciuci e trasversalismi. Siamo interessati alla città e della città vogliamo occuparci”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pasqua ammonisce Tutolo: “Fatti concreti per fronteggiare la crisi economica e sociale”

FoggiaToday è in caricamento