Via gli esterni scelti da Landella, tranne Giuliani: countdown per la Giunta

Rischia Sergio Cangelli, escluso il ritorno di Ciccio D'Emilio. Si sacrificheranno Lombardi al Bilancio e De Filippis all'Urbanistica. Si scalda Amore, "no" di Mari

Immagine di repertorio

Il nuovo esecutivo (il terzo del primo anno Landella) potrebbe essere partorito entro la fine della settimana. 24 ore al massimo, riferisce il segretario provinciale di Forza Italia, Raffaele Di Mauro, che mantiene il più stretto riserbo sui nomi. D'altronde è stato lo stesso sindaco a chiedere di evitare fughe di notizie. Ieri ultimo giro di incontri bilaterali. La quadra sarebbe vicina ma lascerebbe parecchi scontenti e non potrebbe essere altrimenti attesi i pochi posti a disposizione i troppi desiderata dei partiti.

Gli agnelli sacrificali più scontati sembrano essere quelli scelti dal primo cittadino in origine, il delegato al Bilancio Lombardi e il delegato all'Urbanistica De Filippis. Balla anche la poltrona di Sergio Cangelli oltre a quella, data ormai per scontata, di Jenny Moffa, considerati i rapporti ormai deteriorati - anche a livello personale - tra i Fratelli d'Italia e Landella (anche se il capogruppo, Giuseppe Mainiero, promette battaglia e starebbe sfornando un documento che potrebbe, fa intendere, rimescolare le carte in tavola).  

Alcune certezze in ogni caso ci sono: dentro, blindatissima dal sindaco, la delegata alla cultura Anna Paola Giuliani; sui restanti 8 assessorati, 3 dovrebbero essere dati a Forza Italia, alla quale vengono chieste due donne, 2 ad Ncd, 1 ai Conservatori e riformisti di Fitto, 1 a La Destra di Bruno Longo ed 1 a Destinazione Comune.

E' evidente che se così fosse, a restare nuovamente fuori dai giochi sarebbe La Puglia prima di Tutto che malcela il suo scontento: "Troppe forze sovrastimate e deleghe distribuite senza criterio ai consiglieri. Se questo è assumerò le mie determinazioni politiche" dichiara a FoggiaToday il capogruppo Lucio Ventura. Il riferimento è tanto alle deleghe distribuite già in una prima fase ai vari consiglieri ma anche alle ultime in partenza (secondo indiscrezioni, il socialista Cassitti, consigliere di opposizione potrebbe incassare la delega alla Casa. E d'altronde il voto favorevole di ieri in consiglio sulla faccenda Amgas ha mostrato un velato feeling tra questi e la maggioranza), nonché a Forza Italia e a La Destra che dovrebbe essere "premiata" con l'ingresso di Claudio Amorese, genero di Bruno Longo, nonostante alle elezioni abbia racimolato un bottino inferiore alla Ppdt.

Ma anche Ncd non riuscirebbe a spuntarla sui tre assessorati chiesti: Landella ne ha concessi due, ponendo un pesante veto, pare, sul rientro dell'ex vicesindaco Ciccio D'Emilio. Confermata dunque Erminia Roberto, bisognerà cercarne un altro: dal cilindro potrebbe sbucare quel Cristiantielli vicino a Di Giuseppe, già promosso ad Amgas Blu (da cui è dimissionario come il resto dei cda delle aziende comunali), così da farlo entrare in consiglio comunale dopo il fallimento dell'operazione Ilaria Mari, che avrebbe deciso per il "no".

La partita meno facile si sta giocando proprio in Forza Italia: la riconferma degli attuali due eletti, Grilli e De Rosa, non è scontata, fanno capire gli azzurri. Così come non vi sarebbe alcuna intenzione di farsi carico nel pacchetto di Sergio Cangelli, esterno in quota sindaco: Tra l’altro Forza Italia deve esprimere due donne.

I nomi da portare al sindaco domani sono ancora al vaglio e le bocche cucite. Scalpitano i pro Gatta la Torre e Rignanese ma potrebbero doversi "accontentare" in questa fase di una compensazione nelle aziende comunali, partita che si aprirà subito dopo il rimpasto di giunta. I fittiani spingono per Mimmo Verile, già in odore di assessorato. DestinAzione Comune, nonostante il gioco al rialzo, dovrà accontentarsi della riconferma di Francesco Morese. Il terzo esecutivo del primo anno Landella potrebbe essere ufficializzato già domani sera. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Puglia in zona gialla 'rinforzata' fino al 15 gennaio: cosa è concesso fare (e cosa no)

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Orrore nelle campagne di Cagnano, lupo trovato impiccato a un albero

  • Neve fino a quote basse e temperature in calo: oggi tempo incerto, domani sole e giovedì sera la coltre bianca

Torna su
FoggiaToday è in caricamento