Mercoledì, 28 Luglio 2021
Politica

"Ignorata richiesta di potenziare i vigili del fuoco". De Leonardis sbotta dopo i gravi incendi: "Rispondete agli agricoltori foggiani"

Il 4 maggio scorso avevo inviato al dirigente della sezione Protezione Civile della Regione, dott. Mario Lerario, una pec - prot. N. 39 S/P 2021 – per sollecitare l’implementazione di squadre di vigili del fuoco Aib aggiuntive in provincia di Foggia già dal 1 giugno

“La scorsa domenica 13 giugno cento ettari di grano della Asp Zaccagnino sono andati in fumo per un incendio la cui natura sarà accertata dagli inquirenti, e la vicinanza con il tratto autostradale A14 ha comportato gravissimi rischi per gli automobilisti (il tratto tra San Severo e Foggia è stato sospeso per ore in entrambi i sensi di marcia, e si è comunque registrato un tamponamento tra un furgone e un mezzo pesante che ha causato il ferimento di due persone). In quelle ore, sono stati 18 gli incendi nella provincia di Foggia (a Cerignola altri 50 ettari sono andati completamente distrutti), sempre inerenti campi di grano. 

Eventi imprevedibili? Tutt’altro, e proprio per questo da anni viene sottoscritta una convenzione – rientrante in un apposito Programma operativo – tra la Regione Puglia, il Ministero dell’Interno, il Dipartimento e la Direzione regionale dei Vigili del Fuoco, per un’adeguata prevenzione e organizzazione degli interventi necessari in caso di emergenze, e per l’implementazione delle unità a disposizione.

La convenzione parte dal 15 giugno e termina il 15 settembre, 93 giorni per coprire il periodo indicato ‘ad alta pericolosità’. Tuttavia il 4 maggio scorso avevo inviato al dirigente della sezione Protezione Civile della Regione, dott. Mario Lerario, una pec - prot. N. 39 S/P 2021 – per sollecitare l’implementazione di squadre di vigili del fuoco Aib aggiuntive in provincia di Foggia già dal 1 giugno, proprio per ‘la presenza di numerose culture cerealicole, che maturano già nella prima decade di giugno e sono spesso causa di incendi che arrecano notevoli danni e sono fonte di ulteriori rischi’, avevo scritto non perché in possesso di capacità divinatorie, ma perché semplicemente a conoscenza della natura del territorio e sulla base dell’esperienza, precondizioni che dovrebbero essere alla base dell’agire amministrativo nell’interesse della comunità.

La pec, inviata alle ore 15.20,  non ha ricevuto alcuna risposta. Eppure la mia richiesta non era pretestuosa o irragionevole, dato che l’art. 2 della Convenzione citata specifica che ‘il prefissato periodo di attivazione delle squadre VV.F. AIB potrà essere  esteso, e previa comunicazione scritta, anticipato o posticipato e potranno altresì essere  attivate ulteriori squadre VV.F. A.I.B. a seguito di situazioni contingenti connesse alla  pericolosità delle condizioni meteo–climatiche, all’esigenza di supportare le altre forze  operative A.I.B. e alla necessità di garantire la pubblica e privata incolumità. Ciò potrà avvenire su disposizione del Dirigente della Sezione Protezione Civile, assunta d’intesa con la Direzione Regionale Puglia, con oneri a carico della Regione Puglia e previa individuazione delle necessarie risorse economiche aggiuntive’. 

Ecco perché, alla luce di quanto poi accaduto, vorrei che qualcuno, piuttosto che produrre comunicati trionfalistici su inaugurazioni di sale operative all’avanguardia (dopo che i buoi sono scappati dalla stalla, però), si assumesse la responsabilità delle proprie azioni e decisioni, assunte e mancate, e rispondesse pubblicamente non al sottoscritto ma ai pugliesi, agli agricoltori della provincia di Foggia che hanno visto incenerirsi un anno di lavoro e sacrifici, ai cittadini che hanno rischiato l’incolumità e la vita anche per colpa di un’amministrazione distratta e disastrosa. Il solo pensiero che quanto accaduto, di una gravità inaudita e dal bilancio pesantissimo sul piano economico, si sarebbe potuto limitare se non del tutto prevenire, dovrebbe far riflettere ognuno di noi”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ignorata richiesta di potenziare i vigili del fuoco". De Leonardis sbotta dopo i gravi incendi: "Rispondete agli agricoltori foggiani"

FoggiaToday è in caricamento