Politica

Terremoto 2002, Gatta: “Accolte nostre istanze sui danni in Capitanata”

Ci sono 2mila abitazioni da riparare, alcune con ordinanza di sgombero non inserite in graduatoria e Comuni con pratiche di edilizia privata e cantieri ancora aperti

Giandiego Gatta

“Non si può non esprimere sincera soddisfazione per l’approvazione della legge che recepisce il grido di dolore che con tutti i colleghi di Capitanata avevamo espresso in un ordine del giorno del 12 aprile scorso, con riferimento alle conseguenze ancora non sanate del sisma del 31 ottobre 2002 in Capitanata”.

Duemila abitazioni da riparare, alcune con ordinanza di sgombero non inserite in graduatoria o comunque con aggravamenti evidenti. Comuni con pratiche di edilizia privata e cantieri ancora aperti o da aprire, ma privi di personale per ottemperare alle procedure di legge.

TERREMOTO 2002: SINDACI CONSEGNANO FASCE TRICOLORI

Altri che non hanno ancora fruito delle compensazioni dei mancati incassi tributari tra il 2002 ed il 2008: una lunga serie di questioni in sospeso su cui oggi c’è uno strumento legislativo e qualche risorsa per intervenire.

“E se c’è un timore su ipotetiche pronunce di incostituzionalità, non può non rassicurarci la certezza di avere comunque rilanciato una questione che può e deve risolversi finalmente con il doveroso ristoro di tanti disagi e sofferenze per le comunità interessate.”

 

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto 2002, Gatta: “Accolte nostre istanze sui danni in Capitanata”

FoggiaToday è in caricamento