Presidenza Comunità del Parco del Gargano: Tavaglione ricorre al Tar, ma l’opposizione insorge

Il sindaco di Peschici si oppone alla nomina di Rocco Di Brina a Presidente della Comunità. Afferrante lo attacca: “Pensi piuttosto a fare il sindaco”

Ha deciso di fare ricorso al Tar, il sindaco di Peschici Franco Tavaglione, contro la nomina di Rocco Di Brina – sindaco di Carpino – a Presidente della Comunità del Parco del Gargano. Ruolo che, fino alla fine di giugno era ricoperto proprio dal sindaco di Peschici.

Il primo cittadino di Peschici si è opposto al provvedimento, a firma del Direttore del Parco Nazionale del Gargano dello scorso 29 giugno, con il quale è stato preso atto della intervenuta decadenza dello stesso Tavaglione dalla carica di Presidente della Comunità del Parco.

Tale provvedimento di decadenza è stato motivato sulla base dell’avvenuto rinnovo del consiglio comunale di Peschici dopo l’indizione delle elezioni amministrative tenutesi il 10 giugno scorso, a seguito delle quali è stata decretata la sua rielezione.

Da qui la decisione della giunta Tavaglione assunta con delibera dello scorso 2 agosto di affidare apposito incarico ad­­ un legale al fine di proporre ricorso davanti al TAR Puglia avverso il suddetto provvedimento, finalizzato a conseguire il mantenimento in capo al Tavaglione della suddetta carica di Presidente della Comunità dell’Ente Montano garganico.

I sindaci del Gargano sfiduciano Tavaglione

Ma tra i banchi dell’opposizione c’è chi attacca Tavaglione per la sua decisione: “Se il Sindaco di Peschici vuole fare il Presidente della Comunità del Parco per soddisfare le sue personali ambizioni e la sua brama di poltrone – precisa l’avv. Afferrante, a capo del gruppo consiliare di opposizione al Comune di Peschici – deve allora pagarsi l’avvocato con i suoi soldi per fare i suoi ricorsi al TAR o assumere altre iniziative legali, e non già far ricadere le spese a carico dei contribuenti peschiciani. In realtà – prosegue Afferrante – ai peschiciani non importa davvero nulla che Franco Tavaglione sia o meno il Presidente della Comunità del Parco. Piuttosto sarebbe il caso che Tavaglione pensasse a fare il sindaco di Peschici, visti gli innumerevoli problemi che ha da affrontare nel suo paese, tra tutti quello della raccolta dei rifiuti, gestita da una ditta inaffidabile. Questa iniziativa – conclude Afferrante – assume anche il sapore di una vera e propria mancanza di rispetto nei confronti degli altri sindaci garganici che compongono la Comunità del Parco e che hanno legittimamente eletto il nuovo Presidente nella persona di Rocco Di Brina, sindaco di Carpino, in sostituzione di Tavaglione. Il comune di Peschici non è casa sua. Se vuole governare deve fare atti nell’esclusivo interesse della collettività, non per sé stesso”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: tir si ribalta a pochi chilometri da Foggia, un morto e un ferito

  • Si torna a ballare in Puglia: verso la riapertura di club e discoteche all'aperto

  • Choc a Foggia: litiga con la fidanzata, i due 'cognati' lo raggiungono a casa e lo accoltellano

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Covid: nove dei 10 contagi sono del focolaio di Torremaggiore. Tre ricoverati e 83 persone in quarantena

  • Rimprovera comitiva chiassosa, ispettore di polizia accerchiato e aggredito sotto casa: grave episodio a San Severo

Torna su
FoggiaToday è in caricamento