Tari a Manfredonia, i 5 Stelle bacchettano il Comune: “No alla quota variabile sulle seconde case”

Secondo Fiore e Ritucci il Comune di Manfredonia non ha applicato correttamente la tassa sui rifiuti: "La quota variabile sulle seconde case (non locate e nello stesso comune dell'abitazione principale) non va calcolata"

Il caos Tari impazza in tutta Italia. Bollette determinate scorrettamente un po’ ovunque. L’assessore al Bilancio, Pasquale Rinaldi, ha dichiarato: “Il Comune di Manfredonia non è coinvolto nella problematica degli errori commessi in diversi comuni, in quanto ha calcolato correttamente la tassa sui rifiuti, non applicando la quota variabile alle pertinenze, in base alle normative statali”.

Ma il Movimento Cinque Stelle non la pensa così: “Il Comune di Manfredonia Non ha applicato correttamente la tassa sui rifiuti, in quanto la quota variabile anche sulle seconde case (non locate e nello stesso comune dell’abitazione principale) non va calcolata”, fanno presente i consiglieri Fiore e Ritucci.

“Come tutti sanno la TARI (Tassa sui Rifiuti) è un tributo destinato a finanziare la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti ed è dovuta da chiunque possieda, detenga ed utilizzi, a qualsiasi titolo, un immobile. Per le utenze domestiche, essa si compone di  una parte fissa calcolata in base ai metri quadri dell’immobile e di una parte variabile calcolata in base al numero degli occupanti (corrispondente ad un quantitativo di rifiuti calcolato in base alla procedura contenuta nel punto 4.2, all.1, del D.P.R.158/1999)”.

“Pertanto – precisano i consiglieri pentastellati – essendo la parte variabile riferita al quantitativo di rifiuti prodotto dal numero degli occupanti di un’utenza domestica, essa deve essere applicata una sola volta e solamente all’abitazione principale, e non anche alle ‘seconde case non locate e nello stesso comune dell’abitazione principale’, nella cui bolletta, alla voce ‘numero occupanti’, dovrà essere riportato ‘zero’. E’ evidente che in questo modo non si andrebbe a gravare sui costi di raccolta e smaltimento rifiuti del gestore del servizio. In quanto lo stesso nucleo familiare produce sempre lo stesso quantitativo di rifiuti, pur possedendo più immobili (utenze domestiche) non locati e nello stesso comune dell’abitazione principale”.

“Invece – continuano Fiore e Ritucci – i nostri amministratori, ritenendo che il dono dell’ubiquità sia di questa terra, hanno applicato la quota variabile a tutti gli immobili (utenze domestiche) posseduti dallo stesso nucleo familiare, non locati e nello stesso comune dove è situata l’abitazione principale”.

“Per questo motivo, questa tassa, nei casi suindicati, viene applicata in maniera errata. Pertanto, sulla scorta di quanto da noi denunciato, i contribuenti tassati ingiustamente possono valutare se inoltrare richiesta di rimborso, per la ‘quota variabile non dovuta applicata sulle seconde case’ dagli anni 2014 al 2017, al Comune di Manfredonia ed eventualmente, qualora ce ne fosse bisogno, ricorrere alla Commissione Tributaria Provinciale. Ci auguriamo che per l’anno 2018 l’Amministrazione voglia ravvedersi ed applicare correttamente la TARI”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento