Martedì, 19 Ottobre 2021
Politica

Il Tar respinge il ricorso di Grilli, Verile e De Rosa: Landella poteva rimuoverli

I tre chiedevano l’annullamento del decreto di revoca degli incarichi assessorili e quelli della nomina dei loro 'sostituti'. Per il Tar, però, "l’esercizio del sindaco è giustificato da ragioni di opportunità politico-amministrative"

Il Tar di Puglia ha respinto il ricorso presentato dagli ex assessori Gianni De Rosa, Domenico Verile e Gabriella Grilli, in riferimento al provvedimento di revoca assessorile assunto dal sindaco di Foggia, Franco Landella, nei loro confronti.

I tre chiedevano l’annullamento del decreto, a firma del sindaco Landella, avente ad oggetto la revoca degli assessori Giovanni De Rosa, Domenico Verile e Gabriella Grilli e di tutti gli atti connessi, sia presupposti che consequenziali, tra cui anche la nomina di Sergio Cangelli, Claudia Lioia e Antonio Bove ad assessori comunali e la rimodulazione delle deleghe assessorili.

LEGGI: GIRO DI VALZER IN COMUNE, FUORI GRILLI CON DE ROSA E VERILE 

I giudici della Terza Sezione del Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia hanno però rigettato l’istanza. Questo perché “l’esercizio da parte del Sindaco è giustificato da ragioni di opportunità politico-amministrative, con la conseguenza che il venir meno del rapporto fiduciario è valutazione rimessa in via esclusiva al vertice dell’ente, restando estranei alla fattispecie profili riguardanti le capacità tecniche dell’Assessore revocato e l’addebito di specifici fatti e comportamenti”.

Inoltre, si legge ancora nell’ordinanza del Tar: “le scelte altamente discrezionali del vertice istituzionale sono sottoposte unicamente alla valutazione dell’organo consiliare di controllo, che può manifestare opposizione a tali scelte, tramite una mozione di sfiducia”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Tar respinge il ricorso di Grilli, Verile e De Rosa: Landella poteva rimuoverli

FoggiaToday è in caricamento