La Puglia falcidiata dai tagli alle politiche sociali, Pezzano: “Il Governo faccia un passo indietro”

Il vicesindaco di Cerignola preoccupato per la decurtazione, da 311 a 99,7 milioni, che il Fondo Nazionale per le politiche sociali ha subito: "Una follia se si considerano i numeri crescenti del bi-sogno in Italia ma soprattutto nel Mezzogiorno"

Il vicesindaco con delega alle Politiche sociali del Comune di Cerignola e presidente del coordinamento istituzionale dell'Ambito di riferimento, Rino Pezzano, esprime profonda preoccupazione per la decurtazione subita dal Fondo nazionale per le Politiche sociali, passato da 311 milioni di euro a 99,7 milioni e "che comporterà - sottolinea- la riduzione di servizi essenziali per tutti i cittadini e in particolare per minori e persone anziane": "L'allarme lanciato dalla dirigente del Servizio Programmazione sociale e Integrazione sociosanitaria della Regione Puglia, Anna Maria Candela, è assolutamente drammatico e condivisibile, osserva Pezzano.

“In pochi anni le risorse destinate al welfare dal Governo nazionale hanno subito una falcidia che compromette i servizi di base alle fasce più deboli. E le previsioni per il 2017 contenute nelle intese Stato-Regioni col Governo Gentiloni, con la riduzione ad un terzo dei trasferimenti regionali, fanno tremare i polsi di famiglie ed enti locali. Il tutto in un momento di profonda crisi per il Paese, in cui lo scenario del bisogno si acuisce e si allarga la platea dei destinatari e il paniere delle necessità. Pensare di scaricare sulle Amministrazioni periferiche questa grave tensione sociale è semplicemente inaccettabile, oltre che politicamente irresponsabile".

Il vicesindaco di Cerignola prosegue: "Come chiaramente spiegato dal Servizio regionale se i tagli verranno confermati, la Regione Puglia passerà da un trasferimento di 19 milioni a poco più di 4 milioni di euro: una follia se si considerano i numeri crescenti del bisogno in Italia ma soprattutto nel Mezzogiorno, dove i Comuni sono chiamati a governare un impoverimento generale del contesto economico-occupazionale e sociale, e a fronteggiare le istanze sacrosante delle fasce più deboli, che nessuna comunità che voglia definirsi tale può pensare di ignorare. Nel 2007 i trasferimenti ammontavano addirittura a 45 milioni di euro. E fa specie che a farsi autore di una falcidia così drammatica sia proprio un governo che si definisce di centrosinistra, a guida Partito Democratico. Lo stesso partito, vale la pena di aggiungere, che ha fondato la sua campagna elettorale sul "’nessuno resterà indietro’" .

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pezzano conclude auspicando un passo indietro da parte del governo Gentiloni: "Lo faccia o dica chiaramente alle Amministrazioni locali come intende affrontare la sfida della povertà crescente e della tutela di minori, disabili ed anziani, che non può e non deve essere lasciata unicamente in capo agli enti periferici, debole front office del disagio sociale. Il rischio concreto di fronte al mix esplosivo di crescita del bisogno e riduzione delle risorse è la compromissione della coesione sociale stessa delle nostre comunità e il venir meno degli aspetti basilari che come amministratori siamo chiamati a governare. Temi prioritari ed urgenti - conclude Pezzano- che dovrebbero entrare di diritto e prioritariamente nel dibattito politico in corso tra i candidati alla segreteria nazionale del Partito di Governo, e dei quali, in verità, fatichiamo a scorgerne anche un piccolo, fugace accenno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 12 nuovi positivi nel Foggiano e tre focolai (circoscritti). In Puglia 20 contagiati e nessun morto

  • "Ho ancora i brividi". Terrore sulla superstrada del Gargano, auto semina il panico e si schianta: "Salvi per miracolo"

  • Omicidio a Cerignola: almeno 11 colpi d'arma da fuoco, così è stato ucciso Cataldo Cirulli detto 'Dino Str'ppen'

  • Coronavirus, sette casi in Puglia: quattro nuovi contagiati nel Foggiano

  • Terribile incidente stradale a Cerignola: 21enne muore sul colpo, 'miracolati' altri due giovani

  • San Severo, esplosione nella fabbrica di fuochi Del Vicario: c'è un ferito. Il sindaco: "Preghiamo per Luciano"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento