Emergenza abitativa, il Sunia sbotta: "Le richieste delle famiglie non si soddisfano con i proclami". E lancia una proposta

La proposta del sindacato: "Chiedere ai proprietari di concedere in locazione per tre anni i propri alloggi, con le garanzie del Comune, al fine di avviare il programma costruttivo dell’ARCA Capitanata, e utilizzare gli alloggi Edilizia Residenziale Pubblica che si liberano in favore delle famiglie in emergenza"

Immagine di repertorio

"Ancora una volta l’emergenza abitativa domina la scena politica della città di Foggia e, ancora una volta, ottiene l’attenzione della cronaca nazionale senza che vi siano concrete e fattibili soluzioni per le famiglie che vivono (per responsabilità di chi, in passato, ha fatto scelte amministrative sbagliate) in luoghi che non possono essere definiti case”.

Così Michela De Palma, Segretaria Generale Provinciale SUNIA - Sindacato Unitario Nazionale Inquilini ed Assegnatari. "L’emergenza abitativa che soffre la città di Foggia viene da molto lontano: da quando si decise di realizzare 'alloggi parcheggio' che si conclusero con un anno di ritardo a causa degli indugi nel realizzare le urbanizzazioni primarie. Il S.U.N.I.A., già in quell’occasione, affermava che quella non era la strada giusta da intraprendere, anzi: negli stessi tempi si sarebbero potuti realizzare alloggi veri e propri. Il Comune di Foggia non ha mai davvero gestito l’emergenza abitativa: ha concordato con le imprese, attraverso accordi di programma o altri strumenti previsti dalle Leggi che hanno consentito, al di fuori del piano regolatore, la realizzazione di nuovi alloggi da vendere che con difficoltà hanno incontrato la domanda", spiega.

"Finche l’economia 'tirava', le imprese hanno costruito e alcune di loro non hanno realizzato le opere per il pubblico, altre non hanno avviato gli interventi per mancanza di richiesta o di fondi. Il Comune dovrebbe stabilire quale futuro dare alla nostra città, partendo da come affronta l’emergenza delle famiglie che vivono il disagio abitativo e definendo in quale modo gli accordi fatti con le imprese possano rientrare nella programmazione urbanistica della città: gli accordi con le imprese non possono essere un salvadanaio. Gli accordi fatti negli anni scorsi, infatti, servivano a dare una risposta ai bisogni di quel momento; oggi i bisogni della città sono diversi, sono cambiati. Le richieste sacrosante delle famiglie che vivono nei containers o in altre situazioni precarie non si soddisfano con continui proclami e con la ricerca di chi è il responsabile, né si può pensare che il Governo intervenga in una situazione in cui il Comune non si è mai dotato di una vera e propria programmazione del territorio".

"Programmare significa prima di tutto indicare chi sono le famiglie assegnatarie dei containers, verificare chi è subentrato agli assegnatari originari e a quale titolo, individuare se vi sono altre famiglie che versano in situazioni di forte disagio abitativo e pubblicare la graduatoria del bando per l’assegnazione di alloggi Edilizia Residenziale Pubblica. Da una prima analisi degli elenchi di chi vive il disagio abitativo è emerso che non tutte le famiglie hanno il titolo all’assegnazione di un alloggio di edilizia pubblica o ancora, nell’elenco vi sono famiglie che non occupano conteiners o spazi pubblici e a nostro avviso occorre fornire un elenco dettagliato dando priorità, nell’assegnazione, a quelle famiglie originarie assegnatarie dei conteiners. Dall’incontro convocato dal Sindaco con le associazioni dei costruttori, i sindacati della proprietà e degli inquilini, è emerso con chiarezza che in città non vi sono interi fabbricati invenduti e che il prezzo offerto dall’ARCA non soddisfa la proprietà".

"Alcuni costruttori si sono proposti di realizzare, entro un anno, gli alloggi di pezzatura media al costo di 100 mila euro sui suoli di cui all’accordo di programma; è ovvio che tale proposta è irricevibile: gli accordi servivano al Comune per avere dalle imprese servizi o alloggi, e non a finanziare le imprese stesse. L’Arca Capitanata ha risorse e suoli regionali per costruire gli alloggi. Riteniamo che la strada da seguire per risolvere il problema sia quella di chiedere ai proprietari, attraverso un bando pubblico, di concedere in locazione per tre anni i propri alloggi, con le garanzie del Comune, al fine di avviare il programma costruttivo dell’ARCA Capitanata e utilizzare gli alloggi Edilizia Residenziale Pubblica che si liberano in favore delle famiglie in emergenza. Per far ciò è necessario che il Comune istituisca l’Agenzia Sociale per la Locazione prevista dalla Legge regionale e nazionale e, utilizzando le risorse messe a disposizione dalla Regione con le premialità di cui all’art.11, Legge 431/98 garantire i canoni di locazione ai proprietari che mettono a disposizione gli alloggi".

"Pertanto, riteniamo necessario, che il Comune adotti questo percorso e pubblichi un avviso/manifestazione di interesse finalizzato alla locazione di immobili immediatamente disponibili e contemporaneamente avvii, d’intesa con l’ARCA, il piano per la costruzione dei 150 alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica sul suolo dell’ex Cassa del Mezzogiorno, in zona fiera, messo a disposizione sempre dalla Regione. Inoltre è necessario che i sindacati della Proprietà e degli Inquilini depositino il nuovo Accordo Territoriale sui canoni agevolati, Legge 431/98 e, a tal proposito, il Sindaco si è impegnato a convocare le parti nella metà di gennaio. A questo punto, ci sarebbero alcune domande da fare al Sindaco della nostra città: cosa ne sarà dei suoli che si libereranno? Cosa ne sarà degli alloggi o degli interi fabbricati che saranno liberati? Queste sono domande lecite e spontanee visto che si è chiesto alla Regione Puglia e all’ARCA Capitanata di utilizzare i soldi destinati alla manutenzione degli alloggi in favore dell’acquisto o della realizzazione di nuovi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Si intenderà trasformare quelle aree in parchi, giardini, altri alloggi o saranno destinate a diventare zone di degrado? Anche questo è programmare il futuro della città. E ancora, il Sindaco conosce il patrimonio e gli alloggi di proprietà del Comune? Di quanti alloggi il Comune è proprietario? Incassa tutti i canoni di locazione? Come gestisce il proprio patrimonio? Sappiamo soltanto che vi sono oltre 1.000 alloggi di proprietà del Comune, che alcuni di essi sono occupati abusivamente, che i canoni di locazione non sono definitivi; vi è, quindi, una scarsissima gestione in merito. Anche con questi alloggi si può fronteggiare l’emergenza: attraverso una gestione trasparente ed efficiente. A tal proposito, perché non affidare all’ARCA Capitanata la gestione di questo patrimonio? È ovvio che per fare tutto questo è necessario aprire un tavolo di concertazione anche con le organizzazioni sindacali degli inquilini per fare scelte coraggiose utili a garantire legalità e trasparenza e avere ben presente che chi protesta non ha più diritto di altri che silenziosamente e dignitosamente attendono che venga pubblicata la graduatoria del bando di assegnazione alloggi o un avviso pubblico per esprimere il proprio disagio abitativo. Il S.U.N.I.A. è convinto che il Sindaco per garantire il passaggio “da casa a casa” debba emettere ordinanze che diano la priorità alle famiglie assegnatarie dei containers e solo successivamente agli altri attraverso un Avviso Pubblico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia alle porte di Foggia: violento schianto contro il muro di una villa, muore 50enne di Orsara

  • Tragedia sfiorata in mare: madre e figlio rischiano di annegare, militare si lancia in acqua e li salva

  • Il tuffo in mare, il malore e la morte: annega a Vieste Rossano Cochis, braccio destro di Vallanzasca detto 'Nanu'

  • Incidente sulla Statale 16, scontro frontale tra due auto: cinque feriti

  • Morsa da un rettile mentre è al lavoro nei campi. Corsa in ospedale per una giovane bracciante: "Era sopraffatta dal dolore"

  • Sorpresi a ballare in 800 in un locale, erano tutti ammassati e senza mascherina: sospesa attività a Borgo Cervaro

Torna su
FoggiaToday è in caricamento