Comitato Provinciale AICS: “Foggia è una città a strisce blu”

A giudizio dell’AICS di Foggia, il sistema di regolamento del traffico cittadino è inadeguato alle esigenze dei foggiani e confuso

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

"Il Comitato Provinciale dell’AICS (Associazione Italiana Cultura e Sport) di Foggia esprime sconcerto e rammarico per quanto sta avvenendo in città negli ultimi giorni. Si stanno infatti diffondendo a “macchia d’olio” le strisce blu dei parcheggi, che diverranno quindi a pagamento anche in zone dove finora la sosta per le automobili era gratuita. Da via Manzoni a via Nardella e proseguendo per le vie centrali della città, è tutto un susseguirsi di strisce blu. Tradotto: i cittadini foggiani saranno costretti a breve a pagare il costo del parcheggio anche sotto casa propria.

Del problema parcheggi di Foggia si discute ormai da anni, senza che si sia giunti ad una soluzione efficace. La convenzione tra le cooperative che gestiscono la sosta cittadina e il Comune di Foggia, scaduta nel 2005, non è stata ancora rinnovata. Il mancato pagamento del canone risale al 2007, due anni dopo cioè la scadenza della convenzione con il Comune. Il motivo sarebbe dovuto alla mancanza di un confronto serio tra le parti e all’inadeguatezza delle politiche comunali su cui le cooperative hanno espresso più di qualche riserva.

Nell’ottobre 2005 le cooperative impegnate nella gestione dei parcheggi del capoluogo dauno decisero di consorziarsi per un miglioramento del servizio istituendo, tra l’altro, il biglietto unico che dava la possibilità agli automobilisti di poter parcheggiare ovunque nell’ora di sosta. Dal gennaio 2006 a tutto il 2007 le cooperative raccontano di “aver inviato al Comune proposte migliorative delle condizioni operative”, rimaste però senza risposta. Il risultato è facile da immaginare: parcheggi “selvaggi” senza il minimo controllo da parte dei vigili urbani, traffico congestionato in cui rientra la presenza di semafori ogni 100 metri, disagi ai cittadini, mancanza dei mezzi di trasporto pubblico che possano meglio servire la periferia con il centro della citta'.

A giudizio dell’AICS di Foggia, il sistema di regolamento del traffico cittadino è inadeguato alle esigenze dei foggiani e confuso. Lo dimostrano le “dimissioni” del vice-sindaco, Lucia Lambresa, i dubbi circa l’acquisto di 110 parcometri e l’assunzione di personale con contratto a tempo determinato, 4 mesi, tramite società di lavoro interinale. L’AICS Foggia chiede quindi all’Amministrazione un serio confronto con le parti sociali per avviare un tavolo tecnico che tenga conto delle reali esigenze di una città bisognosa di risposte positive e concrete circa il proprio futuro".

 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento