#stopusura, l’arcivescovo Pelvi: “Banche e istituzioni aprano porte alle famiglie”

Così l’arcivescovo della diocesi Foggia-Bovino: “Nel contributo della fondazione vedo una linea educativa, che intende liberare dalla schiavitù dell’usura, non solo gli usurati, ma anche le famiglie”

L'arcivescovo Pelvi

C’era anche l’arcivescovo della diocesi Foggia-Bovino questa mattina alla presentazione della campagna di comunicazione e sensibilizzazione della Fondazione ‘Buona Samaritano’ ‘Io ci metto la faccia’ con l’hashtag ‘#stopusura’. Mons. Vincenzo Pelvi ha posto l’attenzione sul rapporto tra l’usurato e la famiglia, anch’essa vittima consequenziale dell’usura: “E’ in atto una crescita del senso di legalità che ha come presupposto un rinnovato sviluppo di etica di solidarietà. E’ più necessario un profondo senso di solidarietà che abbracci forme corte (come i rapporti privati) ma guardi con fiducia alle forme lunghe che fanno riferimento a realtà vaste e complesse come l’usura, che esigono intervento di lungo periodo. L’esperienza della fondazione sta contribuendo, unitamente alla collaborazione di cittadini e istituzioni, allo sviluppo di un senso di moralità civica. Nel contributo della fondazione vedo una linea educativa, che intende liberare dalla schiavitù dell’usura, non solo gli usurati, ma anche le famiglie”.

L’usura, fenomeno nascosto ma in aumento, che produce un disfacimento non soltanto economico ma anche psicologico e umano: “L’usurato è la persona più sola che si possa immaginare. Bisogna aprire le porte alle famiglie da parte di banche e istituzioni. Occorre restituire alle famiglie speranza, dignità e serenità”, ha aggiunto Pelvi che ha poi lanciato un messaggio alla Fondazione: “L’usurato è una persona con delle ferite profonde che si possono guarire. Bisogna contribuire affinché esca dal buio per ritrovare se stesso e la propria famiglia, liberandosi dalla morsa di chi si presenta come benefattore ma che poi stritola la tua vita. Le associazioni continuino a scrivere pagine di storia della carità sul territorio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento