Baia San Felice, Lonigro: “E’ scandaloso che la spiaggia sia inaccessibile”

"Baia San Felice è un bene comune e tutti devono avere la possibilità di fruirne. Un luogo capace di attirare migliaia di turisti durante la stagione estiva non può e non deve restare invisibile"

Baia San Felice

“E’ scandaloso che la spiaggia di Baia San Felice, a Vieste, non sia fruibile perché la società che ne detiene la concessione demaniale ha deciso di tenere chiuso il villaggio turistico omonimo”. E’ la dichiarazione piccata di Pino Lonigro, presidente della  commissione Bilancio del Consiglio regionale.

“Per il secondo anno consecutivo – sottolinea Lonigro – una delle spiagge più belle e suggestive del Gargano resta inaccessibile al pubblico”. L’insenatura, racchiusa tra due simboli della Montagna del Sole, l’Architiello e la Torre San Felice, è oggi raggiungibile solo via mare per chi possiede una barca. L’alternativa è inerpicarsi lungo il costone rischiando, però, una facile e rovinosa caduta.

“Una spiaggia viene data in concessione affinché possa essere goduta dai turisti – continua Lonigro – La chiusura al pubblico, “il divieto di accesso” deciso da chi detiene la concessione demaniale arreca un grave danno di immagine al Gargano e all’intera Puglia. Mi chiedo se non sia il caso di revocare la concessione a chi, probabilmente, non ha più interesse a sviluppare economia e non ha a cuore questa terra – afferma seccato il consigliere socialista.

Baia San Felice è un bene comune e tutti devono avere la possibilità di fruirne. Un luogo capace di attirare migliaia di turisti durante la stagione estiva non può e non deve restare invisibile.  Il Gargano e la Puglia non possono permetterselo.

Gli sforzi profusi dalla Regione Puglia, da Pugliapromozione e da tutti quegli operatori turistici che amano il loro lavoro non possono essere vanificati da scelte di singoli che forse non hanno più voglia di impegnarsi in quello che è il nostro comparto d’eccellenza.

Per questo – conclude Pino Lonigro – interesserò immediatamente l’Assessore con delega al Demanio Marittimo, Leo Di Gioia, chiedendo di verificare lo stato dei fatti e considerare ogni azione possibile volta a rendere godibile da tutti, e al più presto, questo meraviglioso dono della natura».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento