rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Politica

La Capitanata 'snobba' Liliana Segre, nessun sindaco alla marcia di Milano. Lucera 'salva la faccia': "Cittadinanza onoraria"

Nessun amministratore foggiano si è presentato ieri nel capoluogo lombardo per la manifestazione di solidarietà organizzata per la senatrice a vita. Assenti anche i sindaci di centrosinistra. Ma spunta Tutolo: "Idea cittadinanza onoraria"

Se le 300 sardine nella piazza foggiana vi sono parse un risposta debole della ‘Capitanata contro l’odio’, sappiate che si può sempre far peggio. E infatti ieri, alla manifestazione pro Liliana Segre dei sindaci foggiani non c’era nessuno. Capitanata non pervenuta. Né dagli enti a guida centrosinistra, men che meno da quelli a guida centrodestra. Né dalla Provincia. Assenza di interesse (l’argomento non smuove più di tanto i nostri), carenza di informazione, impegni di sorta: ciascuno dei primi cittadini contattati da Foggiatoday ha avuto le sue ragioni per spiegare la sua assenza ieri nel capoluogo lombardo.  

Promossa da Anci, Upi e Ali, la manifestazione ha visto circa 600 sindaci da tutta Italia sfilare in segno di solidarietà accanto alla senatrice a vita sopravvissuta ai campi di concentramento sotto scorta ricevuta dopo le minacce antisemite ricevute. “L’odio non ha futuro” lo slogan scelto per la marcia delle fasce tricolori “con cui – ha detto il presidente Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro – vogliamo fare da scorta civica a Liliana Segre”. Di bodyguard foggiani, però, neanche l’ombra.

Ma non tutto è perduto, probabilmente. Qualche cenno di interesse verso questi temi, una piccola fiammella probabilmente anche dalla Capitanata arriverà. Ci starebbe pensando il sindaco di Lucera, Antonio Tutolo, seriamente e concretamente intenzionato a deliberare la cittadinanza onoraria alla senatrice Segre. “E’ un’idea che condividerò a breve con i miei consiglieri – conferma a Foggiatoday-, non credo avranno obiezioni di sorta. Ritengo che possa essere un bel messaggio da lanciare. Non sono una sardina perché temo sempre che i soliti noti si infiltrino snaturando questi movimenti ma sono certamente contro l’odio. E stimo molto Liliana Segre”.

Resta che a Milano ieri la Capitanata non c’era.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Capitanata 'snobba' Liliana Segre, nessun sindaco alla marcia di Milano. Lucera 'salva la faccia': "Cittadinanza onoraria"

FoggiaToday è in caricamento