Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Politica Apricena

Apricena, sgomberata palazzina in via San Marco: "Ora censiremo gli stranieri"

Dal Comune arrivano i primi provvedimenti per contrastare il fenomeno degli affitti abusivi, in case fatiscenti, connesso all'immigrazione irregolare.

Il Comune di Apricena, a seguito di segnalazioni e relazioni dell’Asl e dei Carabinieri, ha emesso una “ordinanza di sgombero di una intera palazzina situata in via San Marco nella quale alloggiavano una quindicina di persone straniere nella totale assenza dei minimi standard igienico-sanitari”.

Nello stabile le forze dell’ordine hanno accertato la presenza di cucine con allacci al gas effettuati senza il rispetto della sicurezza, bagni fatiscenti e cumuli di rifiuti speciali all’esterno della struttura. “Insieme alle forze dell’ordine abbiamo avviato un percorso di tutela della sicurezza della nostra comunità”, ha spiegato l’assessore alla Pubblica Sicurezza. “Una strada che prevede, in primis, il censimento della popolazione straniera di Apricena, per il quale la Polizia Municipale si è già mobilitata acquisendo informazioni dall’anagrafe comunale”.

“Dal mese di dicembre abbiamo attivato un protocollo tra polizia municipale e forze dell’ordine - spiegano Solimando e Potenza - e si stanno effettuando controlli a tappeto per risalire alle presenze effettive e regolari sul nostro territorio. L’obiettivo è quello di scoprire e combattere tutte le situazioni di illegalità, capire chi sono gli stranieri presenti ad Apricena, quanti sono regolari, che tipo di attività lavorativa svolgono e se vivono in case con regolare contratto di locazione, in cui sono rispettate le condizioni igienico-sanitarie e di sicurezza. Proprio sull’aspetto abitativo interverremo con fermezza, rilevando e colpendo tutte le situazioni che non rispettano la legge”.

“Stiamo gettando le basi - riprende il sindaco Potenza - di una importante operazione che riguarderà in particolare il centro storico di Apricena. La polizia municipale, dopo la fase di acquisizione dati, lavorerà al fianco dei carabinieri per scoprire altre situazioni di illegalità delle quali sempre più spesso, purtroppo, riceviamo segnalazioni. Situazioni che si ripercuotono anche sul mercato del lavoro locale e sulla sicurezza della città. È un impegno che abbiamo preso personalmente con la cittadinanza e che vogliamo portare avanti: siamo favorevoli all’integrazione e promuoviamo il rapporto con tutte le culture, ma sempre nel rispetto della legalità”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Apricena, sgomberata palazzina in via San Marco: "Ora censiremo gli stranieri"

FoggiaToday è in caricamento