Sabato, 19 Giugno 2021
Politica

"Una vergogna che la Capitanata non merita". A Foggia sezione Urbanistica della Regione senza personale: "Portone chiuso e nessuna risposta"

La denuncia del consigliere regionale dei Fratelli d'Italia Giannicola De Leonardis

"Tutti i dirigenti della provincia di Foggia, tutto il personale che avesse necessità di risolvere un problema con la Regione Puglia non lo possono fare". Così  il vicepresidente del Consiglio regionale e consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Giannicola De Leonardis, denuncia il caso della sezione del servizio Urbanistica, Area Politiche per l'Ambiente, le Reti, la qualità urbana, rimasto senza personale  "Dopo numerose segnalazioni pervenutemi, mi sono recato di persona, ho trovato il portone chiuso e nessuna risposta a continue citofonate e telefonate, come documentato da un video che ho girato. Una vergogna che la provincia di Foggia non merita".

"Pretendo che l'assessore Maraschio mandi subito del personale per far sì che questo territorio non venga abbandonato" tuona il consigliere regionale del capoluogo dauno, che ricorda come nel novembre 2019 presentò all’allora assessore all’Urbanistica Alfonsino Pisicchio e al presidente della giunta Michele Emiliano un’interrogazione sulla grave carenza di personale della sezione staccata, "un tempo pienamente operativa per tutti i giorni lavorativi della settimana, e riferimento per i tecnici delle amministrazioni comunali e per professionisti e utenti privati dell’intero bacino provinciale".

L'esponente dei Fratelli d'Italia spiega come il personale in organico negli anni "è diminuito sempre più, per poi assestarsi intorno alle cinque unità, coordinate da un dirigente: e di queste unità, tre erano andate in pensione, una quarta era costretta a viaggiare frequentemente tra Foggia e la sezione centrale a Bari, e così risultava operativa, a tempo pieno, una sola unità di personale".

E ancora, aggiunge, "una situazione che costringeva i numerosi utenti a recarsi direttamente presso la sede centrale di via Gentile 52, a Bari. Inaccettabile, considerando che la sede foggiana era e rimane il riferimento di una provincia particolarmente estesa, e con particolari caratteristiche geomorfologiche, tali da determinare forti disagi per spostamenti e viaggi dal Gargano e dai Monti Dauni. E che poche unità di personale non possono certo garantire celerità nelle prestazioni erogate e nel disbrigo delle pratiche amministrative anche nell’attività ordinaria, in un ambito particolarmente delicato come l’urbanistica"

De Leonardi conclude: "L'assessore all’epoca fu rassicurante nella sua risposta, nonostante l’evidenza, e anche nella volontà dichiarata di non smantellare l’ufficio per accentrare tutto su Bari: sorte toccata in pratica a tutte le sedi periferiche della provincia di Foggia, la Cenerentola del feudo Emiliano in cui è stata trasformata la Puglia. Cosa è cambiato da allora? Assolutamente nulla, a parte l’assessore in carica"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Una vergogna che la Capitanata non merita". A Foggia sezione Urbanistica della Regione senza personale: "Portone chiuso e nessuna risposta"

FoggiaToday è in caricamento