Politica San Severo

San Severo perde la faccia. Caposiena: “Sindaco lei non sta bene". Miglio: “Lei deve ricoverarsi”

Acceso dibattito in Consiglio comunale tra la consigliera di Forza Italia, Rosa Caposiena, e il sindaco di San Severo, Francesco Miglio, che respinge le accuse di sessismo. Di Mauro: “Miglio chieda scusa”

Senza ombra di dubbio quanto accaduto nell’ultimo Consiglio comunale di San Severo è la fotografia di una città divisa, quanto più a livello politico. Nel botta e risposta tra il capogruppo di Forza Italia, Rosa Caposiena e il sindaco Francesco Miglio, sono volate parole grosse.

Tanto per fare un esempio, dai banchi della minoranza Caposiena si è lasciata andare a un “Sindaco lei non sta bene”. La risposta del primo cittadino non si è fatta attendere: “Lei si vada a ricoverare”. Lo scambio di opinioni e complimenti è poi proseguito. A poco è servito il tentativo del presidente del Consiglio di calmare il primo cittadino, stizzito dai toni della controparte: “Basta sindaco”.

A scatenare l’ira di Miglio sarebbero state “le accuse e le derisioni” che Caposiena avrebbe rivolto all’assessore Ondina Inglese. Il consigliere comunale di Forza Italia, prima di lasciare l’aula non ha risparmiato altre frecciatine all’indirizzo del primo cittadino, che nel frattempo continuava a risponderle: “Lei è nervoso, sotto pressione, si deve vergognare, non è all’altezza del compito che riveste, abbandono perché qui siamo arrivati alla frutta, è un sindaco vergognoso per questa città”.

All’indomani del muro contro muro Francesco Miglio fa sapere che valuterà di ricorrere alle vie legali per difendere la propria onorabilità dalle accuse di sessismo che la consigliera Rosa Caposiena gli avrebbe rivolto attaverso i social. “Difenderò la mia onorabilità contro quanti mi accusano ingiustamente di atteggiamenti che non solo non rispecchiano il mio essere, ma sono stati sempre da me condannati. Il consigliere Caposiena farebbe bene a spiegare alla cittadinanza e al collega Dino Marino, che pur non presente in aula si erge a suo difensore, che il mio intervento era scaturito da accuse e derisioni da parte della stessa rivolte all'assessore Ondina Inglese. Evidentemente sia per Marino che per Caposiena le donne non meritano in egual misura rispetto”.

La risposta del coordinatore provinciale di Forza Italia non si è fatta attendere: “Le accuse e gli insulti che le sono stati rivolti dal sindaco Francesco Miglio sono la mortificazione delle più elementari forme di confronto democratico e di rispetto reale delle istituzioni. Siamo rimasti senza parole nel vedere ciò che è accaduto a Palazzo Celestini, nell’ascoltare le parole di odio e gli improperi del primo cittadino contro una consigliera comunale che ha avuto l’unica colpa di difendere i suoi cittadini, di criticare scelte politiche sbagliate e dannose, di dimostrare dissenso rispetto al modo in cui il Comune di San Severo viene amministrato.

Raffaele Di Mauro ha poi aggiunto: “Ci aspettiamo che il primo cittadino rivolga pubblicamente le sue scuse alla consigliera Caposiena, ammettendo, senza alcuna giustificazione, di essersi reso protagonista di un comportamento al quale non possono essere concesse attenuanti. Un comportamento intollerabile che ha offeso una donna, una amministratrice pubblica ed una rappresentante della comunità di San Severo”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Severo perde la faccia. Caposiena: “Sindaco lei non sta bene". Miglio: “Lei deve ricoverarsi”

FoggiaToday è in caricamento