Fli, caso Pece: “Mazzone eviti di distruggere il sogno di Tatarella”

Lo afferma il consigliere provinciale e capogruppo di Futuro e Libertà, Emilio Gaeta. Il caso dell'assessore di Cerignola potrebbe precludere i rapporti con il Pdl a Palazzo Dogana e in tutti i Comuni chiamati al voto il prossimo 15 e 16 maggio

Il capogruppo di Fli a Palazzo Dogana, Emilio Gaeta, interviene sulla querelle scoppiata a Cerignola tra il Pdl e Futuro e Libertà: al centro dell’acceso dibattito la posizione dell’assessore Enzo Pece messa in dubbio e contrastata da 4 consiglieri del Popolo della Libertà

L’INTERVENTO DI EMILIO GAETA - Non è dato comprendere la guerra che il Pdl a Cerignola conduce contro FLI, colpevole di non avere un rappresentante in Consiglio Comunale. Qualcuno dimentica che FLI è nata da poco e, ovviamente, non ha partecipato alle ultime elezioni comunali. Anche in Provincia il sottoscritto eletto nel Pdl, pur aderendo a FLI, mai, anche quando il suo voto era indispensabile per mantenere la maggioranza, ha chiesto per sé o per FLI prebende o posti in giunta per senso di responsabilità verso il Presidente Pepe e la maggioranza. Senso di responsabilità che il Pdl a Cerignola sembra non avere verso il Sindaco e le sue scelte personali oltre che verso se stesso. Tutti sanno che a Cerignola gli uomini che ora sono in FLI hanno contribuito, come dal Sindaco stesso riconosciuto, in maniera decisiva alla vittoria del centrodestra.

Tutti sanno che gli stessi che oggi creano problemi al Sindaco sono gli stessi che non volevano la sua candidatura. E’ chiaro che  a Cerignola  e in Provincia sono altri e non FLI che mettono a rischio maggioranze e partiti per sete di potere e voglia di poltrone. Ad Enzo Pece, il cui buon operato è da tutti riconosciuto anche da chi ne chiede l’estromissione, va tutto il sostegno di FLI di Capitanata per essere diventato il capro espiatorio del corto circuito del Pdl e vittima di una grave aggressione politica, senza precedenti in Capitanata, che rischia di minare i rapporti nel centro destra a Palazzo Dogana e nei Comuni chiamati al voto il prossimo maggio e di pesare nel futuro dove senza i nostri voti sarà impossibile battere la sinistra, alla Regione, alla Provincia e in ogni Comune.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gabriele Mazzone eviti di distruggere il sogno di Tatarella, quello di una grande alleanza dei moderati contro la sinistra, proprio nella città di Pinuccio. Sarebbe un grave errore politico che pregiudicherebbe i rapporti tra alleati e consegnerebbe la Provincia e Cerignola alla sinistra per lungo tempo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento