Volano gli stracci nell'Udc, Di Fonso avverte i Cera: “Il partito non è vostro, avete deluso i foggiani”

Il commissario cittadino dell’Unione di Centro contro Angelo e Napoleone Cera. “Se pensate che l’UdC sia il vostro comitato elettorale o partito di famiglia, vi sbagliate di grosso!”

Napoleone Cera, Massimiliano Di Fonso e Angelo Cera

Massimiliano Di Fonso non ci sta e dopo gli attacchi al sindaco di Foggia, ne sferra uno, pesante, all’indirizzo dei leader dell’Unione di Centro in provincia di Foggia: “Se Angelo e Napoleone Cera credono che l’Udc sia il proprio comitato elettorale o il partito di famiglia si sbagliano di grosso! Sin dall’insediamento del sottoscritto in qualità di commissario cittadino, la segreteria cittadina ha cercato di avviare iniziative politiche per rilanciare il partito e dare una identità all’Udc di Foggia, ma a quanto pare i Cera snobbano la città di Foggia, favorendo solo e soltanto una parte della provincia.

Il commissario cittadino dello scudocrociato incalza: “Non si può lavorare in questo modo, senza una prospettiva politica in capitanata e soprattutto nella città di Foggia, dove Papà Cera ha raccolto consensi prima alle elezioni comunali e successivamente alla elezione del figlio Napoleone che a Foggia ha ottenuto circa 850 voti che hanno permesso alla stesso di sedere in consiglio regionale”.

E mette in guardia i Cera: “Se pensano di utilizzare la città di Foggia solo in periodo elettorale, e riaprire il partito qualche mese prima delle elezioni commettono il più grande errore della loro carriera politica. Non siamo entrati nell’Udc per farci palleggiare dai Cera, e ne tanto meno fare il loro gioco, tenendo fermo il partito e riaprendolo solo nella stagione elettorale”.

Massimiliano Di Fonso sottolinea: “Il gruppo della segreteria cittadina ha portato alle ultime comunali 1431 consensi e determinato la elezione di Napoleone Cera che a distanza di due anni dal suo insediamento, non ha dato risposte in termini politici e deluso le aspettative di tutti, in particolare dei foggiani che lo hanno votato e che hanno avuto il piacere di vederlo solo a manifestazioni o convegni.                           

Il commissario cittadino conclude: “Non è questo il consigliere regionale che si aspettava la segreteria cittadina, assente e mai raggiungibile, ma onnipresente sulla stampa per i soliti comunicati stampa. Noi intendiamo andare avanti dando una nuova identità all’Udc, sempre troppo legata al nome dei Cera, quando invece ci sono dirigenti che continuano a lavorare in un partito che ci auguriamo presto possa avere le opportunità per rilanciarsi. Se invece si vorrà continuare con la linea della famiglia Cera ostacolando iniziative e progetti politici accentrando il partito solo ed esclusivamente sulle loro posizioni, non ci sarà altro che difendere la propria posizione in questo partito, d'altronde se si sono raccolte mille tessere su Foggia qualcosa significherà pure”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova ordinanza di Emiliano sulle scuole in Puglia: "Quella che sto per emanare rinnova le disposizioni in vigore"

  • Zona gialla in Puglia ipotesi "elevata". Verso il ritorno dell'autosegnalazione: "Magari con la prenotazione del tampone"

  • Choc a Foggia, ragazza aggredita senza motivo in zona Sacro Cuore: "Ho avuto paura, sono scossa"

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento