Sanitaservice, Di Biase a Cera: “Perché se la prende con chi ha risposto al bugiardo?”

L'amministratore unico di Sanitaservice, Antonio Di Biase, risponde al consigliere regionale Napoleone Cera, intervenuto in merito al botta e risposta con Massimiliano Di Fonso

Antonio Di Biase

Dopo aver incassato la solidarietà dei lavoratori della Sanitaservice di Manfredonia, Antonio Di Biase risponde al consigliere regionale Napoleone Cera, che in merito al duro scontro tra l’amministratore unico e Massimiliano Di Fonso, a FoggiaToday ha sostenuto che “i luoghi deputati a sviscerare problematiche, in questo caso sindacali, sono quelli ufficiali e non gli articoli di stampa”.

Afferma Di Biase rivolgendosi a Cera: “Sta di fatto, però, che nonostante il principio da Lei affermato su FoggiaToday, non abbia poi avvertito l’esigenza di stigmatizzare negativamente il comportamento del sindacalista Di Fonso. E’ stato infatti il Di Fonso che a freddo, senza alcuna precedente missiva, ha denunciato fatti gravissimi e ha scelto un luogo improprio - a suo dire - per renderli noti. Non c’è però, una Sua valutazione negativa sul Di Fonso. Anzi se la prende con chi si è limitato a rispondere, a difendersi dagli attacchi dell’emerito bugiardo, assumendo che “da persone al vertice di un’organizzazione è impensabile leggere risposte che utilizzano termini quasi popolani”.

L’amministratore unico ribadisce: “In estrema sintesi: chi ha platealmente offeso il principio da Lei enunciato se la cava con niente, chi, invece, chiaramente costretto a difendersi da accuse infamanti, delle quali anche Lei ne ha certamente supposto la plateale infondatezza, viene prima redarguito (…è impensabile…) e subito dopo invitato a confessare le proprie colpe (…a fare i mea culpa…).

E conclude: “Consigliere Cera, non so perché Lei abbia avvertito l’esigenza di intervenire mediaticamente sulla vicenda montata dal bugiardo e prendersela con chi ha risposto al bugiardo. Lo si capirà strada facendo. Converrà che, essendo razionalmente chiaro di trovarsi di fronte ad evidenti menzogne, un rimbrotto al Di Fonso avrebbe potuto farlo. Ma tant’è. Forse lo farà in seguito e in altre sedi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento