"Criteri discutibili e di dubbia meritocrazia", De Leonardis stronca la selezione Sanitaservice per il Cup : "Emiliano intervenga"

Il consigliere regionale ha presentato un’interrogazione urgente al presidente della Regione Puglia sul processo di internalizzazione nella società in house dell’Asl Fg del personale del CUP, in precedenza appaltato dalla Gpi Spa

Il consigliere regionale Giannicola De Leonardis questa mattina ha presentato un’interrogazione urgente al presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, inerente il processo di internalizzazione nella società in house Sanitaservice dell’Asl Fg Srl del personale del Centro Unico Prenotazioni dell’Asl, in precedenza appaltato dalla Gpi Spa. “Nel corso di una conferenza stampa, l’amministratore unico della Società, dottor Massimo Russo, ha fornito un elenco delle persone inserite nella graduatoria tra quelle che dovrebbero essere internalizzate nel Servizio Cup dell’Asl Fg, attraverso procedure selettive riservate per il reclutamento del personale saranno attivate nel breve periodo”ha spiegato De Leonardis. “Il numero di persone che dovrebbe essere internalizzato, secondo la graduatoria presentata alla stampa, è inferiore al personale dipendente impiegato dal precedente appaltatore Gpi Spa. E, sempre nell’elenco presentato, risultano ammessi alla selezione unità di personale dipendente presso il precedente appaltatore Gpi Spa in organico da appena pochi mesi; mentre risultano escluse unità di personale dipendente da molti anni, in base a criteri selettivi discutibili e di dubbia meritocrazia” sottolinea. E ancora, “nelle procedure selettive per il reclutamento del personale del Servizio Cup, potrebbero figurare nella commissione giudicante e avere un ruolo nella stesura dei relativi bandi persone entrate nella Sanitaservice senza aver a loro volta superato alcuna selezione, e con mansioni ben differenti da quelle attualmente ricoperte. E in altre province, come quella di Taranto, per le internalizzazioni nella Sanitaservice si sta procedendo con modalità differente” aggiunge.

La conferenza stampa di Massimo Russo, au Sanitaservice Foggia

Da qui l’interrogazione a Emiliano – anche nella veste di assessore alla sanità - per conoscere “se è al corrente delle modalità discutibili con cui si sta procedendo all’internalizzazione in Sanitaservice del Servizio Cup dell’Asl Foggia; se è al corrente del fatto che la platea che verrà internalizzata è inferiore a quella reale, alle unità di personale dipendente presso il precedente appaltatore Gpi Spa;

se non ritenga doveroso e giusto rivedere i criteri di selezione, e verificare perché persone in organico da anni si sono ritrovate scavalcate da unità appena arrivate”. E ancora, le soluzioni prospettate da De Leonardis al presidente dell’esecutivo, “se non ritenga altresì utile e necessario ampliare la platea dei nuovi assunti, aumentando la dotazione di risorse da destinare alla Società Sanitaservice dell’Asl Foggia, dato che rimarrebbero escluse dalla selezione professionalità che negli anni hanno ampiamente dimostrato le proprie capacità e che hanno acquisito grande esperienza. E “se non ritenga che la prova selettiva per l’internalizzazione di personale da anni dipendente presso la Società Sanitaservice dell’Asl Foggia non debba avere contenuti più pratici che teorici, avendo questo personale ampiamente dato prova nel tempo di capacità ed esperienza, e potrebbe essere penalizzato da altri criteri”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il processo di stabilizzazione e internalizzazione presso la Società Sanitaservice Asl Foggia, così come illustrato all’amministratore unico, suscita molti interrogativi e perplessità. E l’esclusione di numerose unità di personale potrebbe determinare l’ennesima emergenza sociale, prima ancora che occupazionale, in un comparto che già presenta gravi criticità e in una provincia dove la precarietà e la mancanza di lavoro è ben oltre la media nazionale e regionale” l’opinione di De Leonardis. Per questo, chiede di intervenire per rivedere e rielaborare sia il nuovo organigramma della società Sanitaservice Asl Foggia Srl (che nel 2020 dovrebbe prevedere circa 1.050 dipendenti a tempo indeterminato), che le modalità di accesso e selezione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza Coronavirus: è pandemia mondiale, scopriamo i sintomi e come proteggersi

  • Giornata drammatica, bollettino choc per la provincia di Foggia: nove morti e 52 casi positivi

  • Coronavirus, giovane foggiano trasferito d'urgenza a Bari: in gravi condizioni si è reso necessario l'impiego di Ecmo

  • Incendio sulla 'pista', vigili del fuoco accerchiati e derubati delle attrezzature: notte di follia a Borgo Mezzanone

  • Tragedia ad Alberona, c'è una vittima: estratto dalle macerie il corpo di una donna: nel crollo 6 persone tratte in salvo

  • Il Coronavirus fa paura davvero: 15 vittime in Puglia di cui 10 nel Foggiano, 22 nuovi contagi

Torna su
FoggiaToday è in caricamento