Politica Vieste

Elena Gentile attacca Ruscitti per quel “gioco delle tre carte sulla Sanità a Vieste”

Le domande dell’europarlamentare del Partito Democratico a Giancarlo Ruscitti. “C’è bisogno di un presidio che possa garantire 24 ore su 24 servizi adeguati e non solo per i mesi estivi”

Così come assicurato dal direttore del Dipartimento Politiche della Salute della Regione Puglia, a Vieste “non ci sarà nessuna riduzione dei servizi”. Di diverso avviso è l’europarlamentare di Elena Gentile, che dopo aver evidenziato le “rassicurazioni improbabili’ di Michele Emiliano, sottolinea il “gioco delle tre carte” di Giancarlo Ruscitti, “perché i cittadini non devono capire e rimanere nel limbo della disinformazione rispetto a decisioni per altro già assunte e immodificabili”.

Spiega l’esponente del Partito Democratico: “Stiamo assistendo ad una commedia tragicomica, ricca di colpi di scena. Se non prevalessero preoccupazione ed amarezza per il carosello di rassicurazioni e contro informazioni fuorvianti sarebbe una straordinaria occasione per riderci sopra. Ruscitti atterra a Foggia, sul Gargano, per rappresentare una prospettiva che non trova ragioni in atti e norme e si permette di rilasciare dichiarazioni e giudizi che non attengono al suo ruolo giudicando demagogiche le considerazioni che la politica ha offerto al Governo Regionale ed ai cittadini”.

Prosegue la dem di Cerignola: “Insomma Ruscitti svolga il suo ruolo e lasci fare la politica a chi ha il compito di farla. Non si sostituisca al presidente Emiliano e risponda da tecnico alle osservazioni. È vero o non è vero che il DM70/2015 prevede l'abolizione e la trasformazione dei punti di primo intervento in postazioni di 118 entro la fine dell'anno in corso? È vero o non è vero che per le aree interne o montane prive di altre infrastrutture pubbliche è prevista la realizzazione di piccoli Ospedali di Comunità con servizi di diagnostica e posti di degenza?”

Gentile incalza: “Vieste ed i viestani non hanno bisogno del contentino del raddoppio del servizio di eliambulanza (LEGGI) e di una proroga a tempo dei servizi di laboratorio, ma di un presidio che possa garantire 24 ore su 24 servizi adeguati e non solo per i mesi estivi”.

L’europarlamentare non risparmia nemmeno Nobiletti: “Il sindaco della città, appena rientrato dalla Bit di Milano, durante la quale ha promosso una stazione balneare senza Porto Turistico e senza servizi sanitari, cominci a considerare che Il gioco delle tre carte non serve ad affrontare e risolvere le questioni più rilevanti della città garganica, ma a raccattare un po' di consenso per gli appuntamenti elettorali imminenti e per quelli prossimi andando al guinzaglio del potente di turno”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elena Gentile attacca Ruscitti per quel “gioco delle tre carte sulla Sanità a Vieste”

FoggiaToday è in caricamento