Sanità pugliese in difficoltà, i cinquestelle non perdonano Emiliano: “Dimettiti”

I consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle accusano il governatore pugliese, che per non aumentare le tasse si è detto disposto a chiudere anche 25 ospedali

I consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle

La Sanità, materia che assorbe gran parte del bilancio della Regione Puglia, ha bisogno di un assessore competente. A dirlo sono gli otto consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, che non perdonano ad Emiliano la gestione del delicato ruolo e le dichiarazioni del governatore regionale, che dall’inizio del suo mandato ha mantenuto la delega alla Sanità: “Una politica incapace di programmare che ha lasciato scoppiare il caos nella sanità pugliese nonostante si sapesse della normativa UE sui nuovi orari da tempo immemore. E nel frattempo tutti i pugliesi sono costretti a pagare lo scotto delle beghe personali del governatore con il suo collega di partito Renzi che ha pensato bene di tagliare 40 milioni al fondo sanitario pugliese”

                                       
 

Per i pentastellati di via Capruzzi “una classe politica seria e capace di programmare avrebbe dovuto rispondere alla mancanza di personale medico ed infermieristico nel più semplice dei modi: assumendo. E invece hanno precipitato in una situazione di emergenza le direzioni generali delle asl pugliesi e siamo costretti ad ascoltare proposte, come quelle che arrivano da Emiliano di chiudere 25 ospedali. A dir poco imbarazzanti e senza senso, dal momento che in programma c’è la costruzione di nuovi ospedali, la ristrutturazione di tantissimi reparti e strutture ospedaliere, sempre con soldi pubblici, per poi magari tenerli aperti solo in parte perché il personale non è sufficiente”.

Concludono i consiglieri del Movimento 5 Stelle: “Il tutto senza una logica perché nessuno si prende la briga di fare quello che la legge prevede e che denunciamo dalla campagna elettorale: verificare le statistiche epidemiologiche e le liste d'attesa per realizzare gli atti aziendali di ciascuna Asl ed avere compiutezza della programmazione. E nel frattempo si continuano ad autorizzare convenzioni con strutture private per coprire le necessità dei malati. La verità è che la giunta Emiliano ha definitivamente chiarito di voler proseguire quanto già iniziato dall'amministrazione Vendola: la progressiva privatizzazione del sistema sanitario pugliese.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • E' morto Dario Montagano: l'imprenditore sanseverese trovato senza vita in giardino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento