Sanità in Capitanata, De Leonardis pungola Emiliano e Lopalco: "Emergenze vanno risolte non alimentate"

L'esponente di Fratelli d'Italia duro nei confronto dei Governatore e dell'assessore: "Continuano a presenziare i salotti televisivi, mentre a Lucera chiude il pronto soccorso e al Riuniti si presenta una coda di ambulanze diventate parcheggi temporanei"

"Terminata la campagna elettorale, l'annunciata - da tutti gli addetti ai lavori - seconda ondata della pandemia Covid-19 ha messo inesorabilmente a nudo tutti i limiti e carenze della politica regionale in materia di sanità pubblica. Sia di programmazione e pianificazione, che di risposte tempestive alle emergenze, nell'immediato e con un orizzonte temporale più ampio", è quanto dichiara il consigliere regionale di Fratelli d'Italia Giannicola De Leonardis.  

Nel mirito del consigliere meloniano c'è la coppia Emiliano-Lopalco alla quale non risparmia dure critiche soprattutto sullo stato della sanità in Capitanata: "Continuano quotidianamente a presenziare i salotti televisivi e a imperversare nei talk show più popolari, mantenendo un profilo nazionale e di natura generica mentre a Lucera il pronto soccorso dell'ospedale Lastaria, prezioso riferimento per la comunità dei Monti Dauni, viene chiuso. E il pronto soccorso degli Ospedali Riuniti presenta una lunga coda di ambulanze diventate dei parcheggi temporanei per persone in attesa del vero ingresso nel policlinico hub più importante della provincia di Foggia. Mentre aumentano i contagi nei reparti". 

De Leonardis rincara: "Dove sono finiti il presidente e il neo assessore alla sanità? Che fine hanno fatto la riorganizzazione dei reparti, l'assunzione e la formazione di nuovo personale, l'apertura di nuove strutture dedicate, l'allestimento dei nuovi posti letto da destinare ai pazienti Covid, la promessa di non paralizzare nuovamente la sanità ordinaria, il potenziamento della medicina territoriale attraverso la fornitura dei DPI ai medici di base ancora e sempre lasciati soli nella tempesta, i macchinari in grado di eseguire tamponi in numero ben maggiore rispetto a quelli in dotazione?"

"Il Covid-19 non può e non deve diventare un alibi per nascondere qualsiasi impreparazione - conclude l'esponente di Fratelli d'Italia - e nessuna improvvisazione può essere più tollerata, soprattutto da chi ricopre la responsabilità istituzionale (per sua scelta gratificata dal consenso elettorale) di affrontare e risolvere problemi ed emergenze gravissime, e non contribuire ad alimentarle. E dovrebbe avrebbe il quadro della situazione non in astratto ma attraverso la conoscenza diretta, e il contatto diretto con dirigenti, operatori, strutture che non sia una passerella pre-elettorale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Choc a Foggia, ragazza aggredita senza motivo in zona Sacro Cuore: "Ho avuto paura, sono scossa"

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Testimonianza choc, la compagna del 38enne ucciso: "E' stato il bambino". Giornalista costretto a cancellare immagini

Torna su
FoggiaToday è in caricamento