menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Consiglio comunale di San Severo in videoconferenza

Il Consiglio comunale di San Severo in videoconferenza

"La maggioranza boccia il taglio della Tari alle imprese". L'opposizione prova a 'sbugiardare' Miglio: "Facile fare populismo sui social"

Nella riunione del Consiglio comunale di San Severo non passa la riduzione della tassa sui rifiuti in favore delle attività commerciali. Non ci sarebbero le coperture finanziarie ma i consiglieri attaccano: "Pressapochismo politico"

"Avevamo chiesto di tagliare i costi della Tari per tutte le attività e i soggetti maggiormente colpiti dai provvedimenti restrittivi ministeriali ma la maggioranza ha respinto la proposta poiché, secondo loro, non ci sarebbero sufficienti coperture. Falso. 'Non sanno' se ci sono coperture. Cosa ben diversa". I consiglieri di opposizione al Comune di San Severo Maria Anna Bocola, Rosa Caposiena, Lidya Colangelo, Gianfranco Di Sabato, Rosario Di Scioscio, Giuseppe Manzaro e Matteo Priore passano al contrattacco dopo la bocciatura del loro emendamento finalizzato ad aiutare le imprese e le attività commerciali. Le misure sottoposte al voto del Consiglio comunale, riunito in videoconferenza giovedì 30 aprile, prevedevano una riduzione nella misura del 50% o del 100% della quota variabile della Tari a seconda che l'attività avesse subito un ridimensionamento a seguito delle prescrizioni imposte dai decreti o avesse subito la chiusura forzata causa Covid. 

All'indomani, la minoranza incalza: "Hanno portato un regolamento senza aver stilato prima il bilancio di previsione, senza aver stabilito le nuove tariffe della Tari e senza aver fatto i conti economici relativi al prossimo bando per il servizio di igiene urbana. Incuria che di fatto ha impedito che l’emendamento fosse approvato. Un pressapochismo politico imperdonabile in questo momento di crisi che ha penalizzato le imprese. Ancor più grave se si pensa che non hanno neppure chiesto alla ditta che gestisce l’igiene urbana di ridurre il servizio durante questi mesi e quindi di ridurre il costo del contratto. Insomma, abbiamo pagato per servizi di cui non abbiamo usufruito, sprecando risorse utili che dovevano servire per imprese e famiglie". 

L'opposizione rinfaccia al sindaco Francesco Miglio proclami e slogan lanciati sui social: "È facile fare populismo da soli sui social con le dirette, ma è difficile dimostrare serietà e capacità nei luoghi della democrazia e delle decisioni". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lopalco: "Puglia zona gialla non è liberi tutti"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento