Ciavarella già in crisi a San Nicandro, solo un anno fa le elezioni. PD attacca: "Armata brancaleone"

Duro il comunicato a firma del segretario cittadino Antonio D'Apote. "Assenza di politica e preminenza di singoli individui che anzichè lavorare per il paese pensano a fare le starlette"

"Crisi amministrativa, un disastro preannunciato". Esordisce così un comunicato del Partito Democratico di San Nicandro Garganico, a firma del segretario cittadino Antonio D'Apote. L'amministrazione di centrodestra targata Costantino Ciavarella si è insediata neanche un anno fa.

"Nell’ultimo consiglio comunale, dopo tre mesi di assenza dall’assise e dopo un ingiustificato rimpasto di giunta - continua D'Apote-, abbiamo appreso dal sindaco Ciavarella che non esiste più una maggioranza amministrativa, senza aggiungere altre dichiarazioni in merito tantomeno consegnare le dimissioni. La crisi evidentemente, nascosta per mesi, è venuta a galla solo per via degli obblighi di legge riguardo il bilancio di previsione e viene protratta volontariamente avanti senza direzione alcuna.

L’apertura della crisi, l'impossibilità di amministrare il comune rappresenta il fallimento di un’intera coalizione, non solo del sindaco. Un disastro preannunciato causato dall’assenza della politica e dalla preminenza di singoli individui che anzichè fare squadra e lavorare per il paese pensano a fare le starlette. Un’armata brancaleone in cui spesso manca persino il rispetto reciproco".

"Questa amministrazione naviga a vista, non ha idee, non ha prodotto nessuna progettualità per la città ed è riuscita a stento a portare avanti quelle dei predecessori. Oltre alle promesse non mantenute, i tagli ai servizi e all’aumento delle tasse per i commercianti, va aggiunto che alcuni settori strategici, come ad esempio l’agricoltura, il turismo e la sanità, sono stati completamente dimenticati. La comunità merita di sapere e si aspetta che il sindaco sblocchi questa situazione" conclude il PD.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Incredibile al carcere di Foggia, detenuto telefona ai carabinieri dalla cella: "Siamo al ridicolo"

  • Carabinieri setacciano l'area "internazionale" del Santuario di San Pio: scattano arresti e denunce

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento