Unione di Capitanata: "Il Comune a un passo dal risanamento finanziario"

Il consiglio è chiamato a un senso di responsabilità. Chi non vuole proseguire su questa strada ne dovrà rispondere alla cittadinanza

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

UNIONE DI CAPITANATA - "Sorprende come amministratori di Palazzo di Città, che rivestono anche ruoli importanti e che hanno sposato dal primo giorno del mandato elettorale la linea di risanamento necessaria per non far sprofondare la città in una situazione ancora più grave, abbiano scelto la strada della demagogia abbandonando quella della coerenza. Non voler continuare a sostenere l’azione di risanamento del Comune, dopo aver approvato lo scorso anno un bilancio molto più pesante di quello che verrà proposto a fine agosto, ha un solo significato: ripensare all’impegno preso con l’elettorato e cioè quello di restituire ai cittadini, anche se con qualche sacrificio, una città ordinata, pulita, funzionale, che possa offrire servizi efficienti.

Aumentare la Tarsu è una necessità dettata dalle ristrettezze economiche, ma è anche un intervento che non si determinava dal primo gennaio 2002 e che contribuirà a garantire una continuità dei servizi ed una prospettiva occupazionale per centinaia di foggiani che lavorano nell’Azienda Amica e nelle cooperative. Se avesse seguito l’aumento regolare dell’Istat oggi parleremmo solo del 9% in più rispetto all’anno precedente, un aumento che considera anche le necessità operative dell’Azienda a partire dalla raccolta differenziata.

Con questo non vogliamo dire che ci dimenticheremo delle gestioni poco oculate dei precedenti amministratori. Ricordiamo anche a quei consiglieri comunali che hanno partecipato nel governo della città nella scorsa legislatura che l’attuale maggioranza porterà all’attenzione del consiglio un bilancio su cui peseranno quelle scelte poco attente delle precedenti amministrazioni di cui ne facevano parte.

Questo, però, non vorrà dire che resteremo fermi ad attendere che le situazioni si evolvano da sole. Inviteremo il sindaco Mongelli, a cui rinnoviamo la nostra totale fiducia invitandolo a proseguire quest’azione di risanamento che quando giungerà a conclusione restituirà una città in salute, a seguire quotidianamente la gestione del servizio affinché si possa portare all’attenzione del consiglio l’analisi delle attività gestionali dell’Amica, almeno fino ad una stabilità dei servizi. Dobbiamo dare atto al sindaco e alla giunta che sono state affrontate le emergenze e in gran parte superate, nonostante le scarse risorse.

Ora possiamo muoverci in città con strade più sicure, negli ultimi giorni Foggia è molto più pulita e questo grazie alla collaborazione degli stessi cittadini che hanno capito la necessità di partecipare. Anche al cimitero si potranno assicurare interventi continuativi e di rapida attuazione e questo ancor di più con la presenza di un concessionario la cui attività di gestione non determinerà alcun aumento del costo dei loculi.

La nostra azione sarà diretta a vigilare questa ed altre situazione di affidamento di servizi pubblici ad una gestione privata. Siamo convinti che superata quest’ultima fase di risanamento, il comune di Foggia potrà tornare a svolgere quell’azione di indirizzo dello sviluppo della città proponendo una nuova azione politica ed amministrativa capace di dare slancio e sicurezza, oltre che una rinnovata fiducia ai cittadini. Riuscire in questa opera di salvataggio della città vorrà significare aver portato a termine molto più della metà del programma elettorale".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento