rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Politica

Batosta dal Tar per il Pd: perde il ricorso ed è fuori dalle Provinciali

I giudici amministrativi hanno validato l'interpretazione dell'ufficio elettorale: il consigliere comunale di Serracapriola Vittorio Presutto non poteva autenticare le firme fuori dal proprio ambito di competenza territoriale

Il Pd resta fuori dalle elezioni per il rinnovo del Consiglio provinciale di Foggia in programma il prossimo 30 gennaio. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia (sezione Terza) ha respinto il ricorso presentato da Vittorio Presutto, delegato presentatore della lista del Partito Democratico e dai candidati Mariarita Valentino, Generoso Rignanese, Marcello Moccia ed Emilio Di Pumpo, difesi dall’avvocato Nino Sebastiano Matassa di Bari.

Il Collegio, presieduto da Orazio Ciliberti, estensore Giacinta Serlenga, nella camera di consiglio di oggi, 19 gennaio, ha ritenuto valida la decisione dell’ufficio elettorale provinciale che il 14 gennaio aveva ricusato la lista in virtù del principio della territorialità nell'autentica: le dichiarazioni di accettazione delle candidature e le sottoscrizioni dei presentatori erano state autenticate da un consigliere comunale di Serracapriola, Vittorio Presutto.

“È incontestato il fatto storico che il sig. Presutto abbia esercitato i propri poteri di certificazione al di fuori del proprio ambito di competenza territoriale”, si legge nella sentenza. Il Tar oggi ha accolto, invece, il ricorso presentato dal consigliere comunale di San Severo, Giovanni Florio, e lo ha riammesso alla competizione elettorale nella lista civica. ‘Per la Capitanata’.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Batosta dal Tar per il Pd: perde il ricorso ed è fuori dalle Provinciali

FoggiaToday è in caricamento