Politica

Orbitale Foggia, Marasco: “Allarmanti i risvolti giudiziari sul mega appalto”

Augusto Marasco ricorda l’interpellanza sulla procedura di gara: “Disconoscimento delle funzioni dell’opposizione comporta il rischio di errori da parte di chi si sente padrone assoluto”

La notizia dei risvolti giudiziari circa l’appalto da 30 milioni di euro sull’Orbitale, denunciata da FoggiaToday, evidentemente non è passata inosservata. A gettare benzina sul fuoco è Augusto Marasco, capogruppo de ‘Il Pane e le Rose’ ed ex candidato sindaco del centrosinistra, che ha commentato così il ricorso per la sospensione dell’aggiudicazione dei lavori di una delle infrastrutture più importanti programmate nel Piano strategico ‘Capitanata 2020’, nel Piano urbano della mobilità di area vasta e nel Piano Urbanistico Generale di Foggia: “Il fatto che il mega-appalto per la realizzazione dell’Orbitale urbana sia finito davanti ai giudici amministrativi, oltre a colpire al cuore una prestigiosa conquista della programmazione 2007-2013, conferma un dato di fatto con cui la comunità foggiana fa i conti da sette mesi: il disconoscimento delle funzioni dell’opposizione comporta il rischio di errori da parte di chi si sente padrone assoluto”

L’ex presidente dell’Ordine degli Architetti ricorda l’interpellanza di cinque mesi fa sulla procedura di gara: “Le reazioni furono di due tipi: ci fu chi la prese come fatto personale e chi faceva spallucce rispetto al mio appello per il rispetto formale e sostanziale delle regole. Adesso le cose si complicano non solo perché i ricorsi delle ditte non aggiudicatarie sono sempre un fattore di rallentamento per le grandi e le piccole opere di cui l’economia locale e nazionale hanno bisogno, ma anche perché il groviglio di inciampi si moltiplica, come è normale quando ci si affanna sotto pressione”.

Marasco avanza anche un dubbio: “Per esempio ho integrato quella mia prima interpellanza aggiungendo la scoperta di una determina di aggiudicazione provvisoria che, il 22 dicembre scorso, si è “trasformata” in definitiva nel sistema elettronico per la gestione dei progetti finanziati, con il risultato che non si capisce se uno dei più grandi appalti degli ultimi anni sia stato o no aggiudicato definitivamente”.

E osserva: “Insieme alle irregolarità da me denunciate per l’ultimo segmento delle procedure e per la stessa costituzione della commissione giudicatrice sono tutti elementi che, da fisiologici, si trasformano in segnali allarmanti per l’opinione pubblica, se si considera che i giudici amministrativi sono stati interpellati contestando che l’appalto sia stato aggiudicato ritenendo superabili i precedenti penali di uno dei soci della ditta vincitrice”.

Il consigliere comunale di minoranza conclude: “Io penso che le storiche prospettive di sviluppo legate alla mobilità e al riassetto urbano della città capoluogo non possano essere slegate dalla qualità della spesa e dalla massima trasparenza, obiettivi che si possono raggiungere se tutti - politici, associazioni di categoria, sindacati, giornalisti e società civile – non si fanno intimidire né lusingare dal cartaro del momento”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orbitale Foggia, Marasco: “Allarmanti i risvolti giudiziari sul mega appalto”

FoggiaToday è in caricamento