Richiesta di incandidabilità per Metta e Bufano, dopo lo scioglimento del Comune di Cerignola per infiltrazioni mafiose

Il 21 gennaio si terrà l'udienza sulla richiesta di incandidabilità dell'avvocatura dello Stato all'indirizzo dell'ex sindaco di Cerignola Franco Metta e dell'ex assessore Tommaso Bufano

Foto di repertorio

Sono due le richieste di incandidabilità indicate dall'avvocatura dello Stato in seguito al decreto di scioglimento del Comune di Cerignola per infiltrazioni mafiose (comune commissariato per 18 mesi). 

Le richieste - notificate il 31 dicembre scorso - riguardano l'ex sindaco Franco Metta e l'ex assessore Tommaso Bufano sulla scorta della relazione.

L'udienza si terrà martedì 21 gennaio davanti al Collegio della prima sezione del Tribunale Civile di Foggia. La decisione potrebbe arrivare nel giro di alcuni giorni. Non sarà definitiva in virtù dell'eventualità per Metta e Bufano di ricorrere in Appello e poi in Cassazione.


 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente sulla Statale 16: tir si ribalta a pochi chilometri da Foggia, un morto e un ferito

  • Coronavirus, piccola impennata di contagi nel Foggiano: 10 nuovi casi. Calano i positivi in Puglia

  • Si torna a ballare in Puglia: verso la riapertura di club e discoteche all'aperto

  • Covid: nove dei 10 contagi sono del focolaio di Torremaggiore. Tre ricoverati e 83 persone in quarantena

  • Il gruppo Amadori vende azienda del Foggiano per 30 milioni. I nuovi proprietari sono le 'Fattorie Garofalo' di Capua

  • Coronavirus in Capitanata: positivo intero nucleo familiare. Piazzolla: "Tracciata catena dei contatti. Situazione sotto controllo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento