menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Massimiliano Di Fonso

Massimiliano Di Fonso

Di Fonso vuole la testa di Landella: “Foggia allo sbando, sindaco dimettiti!”

L'attacco del segretario cittadino dell'Unione di Centro, Massimiliano Di Fonso, al sindaco di Foggia

Duro affondo del segretario cittadino dell’Unione di Centro, Massimiliano Di Fonso, che in una nota a mezzo stampa attacca senza esclusione di colpi, il sindaco di Foggia, e attraverso la quale invita Landella a dimettersi e i consiglieri di opposizione, ma soprattutto di maggioranza, a porre fine all’esperienza di governo di centrodestra.

Questo l’attacco di Di Fonso: “Città allo sbando, senza una guida, senza una identità, l’uomo del popolo che diventa l’uomo del salotto. Doveva essere il sindaco del foggiano medio, ma la sua avidità politica lo ha portato ad essere il sindaco del non fare, Landella sin dal suo insediamento ha smesso di occuparsi della città, dei foggiani e delle problematiche che l’affliggono.

Non si parla di problemi dal 6 dicembre, giorno in cui si è fatto l’ultimo Consiglio comunale vero, mentre quelli avvenuti successivamente non producono atti a favore della città, ma solo interrogazioni ed interpellanze dei consiglieri,  vale a dire tempo perso.  La città è a pezzi, ed è amministrativamente morta, e nessuno consigliere o gruppi di partito mettono fuori il coraggio per liberare la comunità da una stretta al collo a cui è sottoposta.

Non vi è in atto una programmazione dell’attività amministrativa, solo contentini a consiglieri comunali compiacenti che non si ribellano ad un sindaco incapace, inconcludente e privo di amore verso la città. Solo slogan nella sua campagna elettorale e niente del suo programma è stato fatto.

L’appello quindi a tutti i consiglieri comunali di maggioranza e di opposizione affinché prendano atto che il sindaco Landella ha effettivamente fallito nella amministrazione di questa città, della nostra città, e che la sua permanenza porterebbe ulteriori danni ad una comunità che non si sente rappresentata dal sindaco del salotto. Uno degli slogan di Landella in campagna elettorale recitava cosi: ‘voglio un futuro migliore per i nostri figli’. Il futuro Landella lo sta togliendo ai nostri figli”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento